Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'informatica esposta al museo: analisi e prospettive

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

L’abaco europeo, di cui il più antico esemplare risale al IV sec. a.C., si differenzia dal soropan giapponese e dal suan pan cinese, caratterizzato da una tavoletta divisa in due parti. Percorrendo la storia attraverso il lavoro di numerosi studiosi e la creazione di vari strumenti, come il quadrante o il compasso proporzionale, ci si imbatte inevitabilmente nella figura di John Napier barone di Merchiston (1550-1617). Nella sua opera Rabdologia del 1617 egli dichiara “Eseguire dei calcoli è operazione difficile e lenta [...] Ho cercato sempre - usando tutti i mezzi che avevo a disposizione e con le forze che il mio intelletto mi ha dato - di rendere più agevole e spedito questo processo. È con questo scopo ben fisso nella mente che ho elaborato il metodo dei logaritmi, a cui ho dedicato molti anni di studio... Nello stesso tempo, a beneficio di chi volesse far uso solo dei numeri naturali, ho predisposto altri tre brevi metodi di semplificazione dei calcoli. Il primo dei quali e stato battezzato Rabdologia” 2 , pensando le asticelle utilizzate come metafore del bastone del rabdomante. Lo strumento è costituito da una serie di dieci o più bastoncini che riportano, utilmente suddivisa, la tavola pitagorica: i bastoncini sono generalmente realizzati in avorio. Quest'ultima circostanza si trova all'origine del loro appellativo: “ossa” di Nepero (nome latinizzato di Napier). Ogni faccia longitudinale è divisa in dieci parti uguali, nove parti all'interno e una decima suddivisa in due metà poste ai due estremi. La scelta della sezione quadrata rende disponibili su ogni righello quattro facce uguali su cui disporre, uno sotto l'altro i multipli dei numeri da 1 a 9. Ognuno 2 Napier J., Rabdologiae, seu numerationis per virgulas libri duo : cum appendice de expeditissimo multiplicationis promptuario;quibus accessit & arithmetica localis li, Osnabruck: Zeller, 1966

Anteprima della Tesi di Sabrina Di Pietrantonio

Anteprima della tesi: L'informatica esposta al museo: analisi e prospettive, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Sabrina Di Pietrantonio Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2164 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.