Skip to content

La sperimentazione teatrale a Napoli dal 1965 al 1975

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Sicuramente contribuirono all’emergere di una “nuova scena teatrale”, nell’arco degli anni tra il’65 e il’69, i ritorni del Living Theatre sui palcoscenici napoletani, tra San Ferdinando, Politeama, Mediterraneo. Un contributo lo avevano dato gli spettacoli del teatro napoletano e la presenza del Piccolo di Milano al San Ferdinando con l’Arlecchino di Strehler e al Mediterraneo con L’Istruttoria di P.Weiss.Un vero mutamento cominciò a delinearsi con la riscoperta di Viviani soprattutto da parte di Giuseppe Patroni Griffi nel 1968. Tutto questo avveniva sullo scorcio degli anni’60 e costituì “l’alveo entro cui s’incanalò il processo di autoriconoscimento del pubblico giovanile, che trovava finalmente una sua sponda culturale patria, da affiancare a quella ideologico politica protestataria”. 5 Sarà proprio da questo autoriconoscimento di un pubblico giovanile che nascerà in seguito un nuovo teatro a Napoli. I luoghi di autoriconoscimento erano le assemblee politiche, a cui i giovani accorrevano numerosi, poi c’erano i luoghi di ansiosa ricerca e di dibattito culturale, come la già citata Saletta Rossa della libreria Guida, o il ritrovarsi a Villa Pignatelli con Chaikin, Bartolucci, Bocca Sanguineti, Moravia. Ci si riconosceva teatranti negli spazi angusti del Teatro Esse, del Teatro Instabile, del Teatro Orione, dell’Executive Club.Si era inoltre cinefili negli spazi bui del Cinema Lux, del CineClub o del Cinema Amedeo, si era infine musicomani con il Play Studio 6 . Ma essere teatranti, cinefili, musicomani non era altro, per quei giovani, che un rituale per riconoscersi membri di una comunità che allora si stava formando, e che presto avrebbe dato alla luce gli interessanti spettacoli dei Vitiello, Santella, Massarese, Neiwiller, Pugliese, Mastelloni e tanti altri che avrebbero contribuito a dare una svolta decisiva al teatro napoletano. Erano dunque vicini i tempi per una drammaturgia civile che traeva la sua linfa vitale proprio da quei cortei, dalle assemblee, dalla solidarietà con gli operai, dai sit-in e che, per la prima volta, 5 Cfr: “Napolifrontale,catalogo, politica, soggetti sociali ed altre storie”, Franco Carmelo Greco, Il nuovo spettatore ,cit.,pp.4-5. 6 Il Play Studio si forma nel 1967 installandosi in via Martucci. Il gruppo è legato ad Arturo Morfino. Esso si caratterizza come nucleo di intervento teatrale sul territorio, puntando quindi al collegamento con le classi popolari ed alla forma del laboratorio aperto per coinvolgere la gente del quartiere nella produzione di spettacoli. Il lavoro di inserimento nel territorio si realizza con le feste collettive teatrali e musicali, risultato dell’incontro fra le tecniche dell’animazione e la ricerca di moduli espressivi che possono realizzarsi in momenti collettivi. Cfr: Vanda Monaco, La contaminazione teatrale, Bologna, Patron Editore, ’81, p. 125.
Anteprima della tesi: La sperimentazione teatrale a Napoli dal 1965 al 1975, Pagina 3

Preview dalla tesi:

La sperimentazione teatrale a Napoli dal 1965 al 1975

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Concetta Castaldo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Ettore Massarese
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 142

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

avanguardie teatrali
leo de berardinis
open theatre
teatro napoletano
teatro
julian beck
living theatre
jerzy grotowski
judith malina
teatro d'avanguardia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi