Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sentenza della Corte Europea dei diritti dell'uomo Refah Partisi contro Turchia - Aspetti della libertà di religione in Turchia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO I Profili della libertà religiosa in Europa IL diritto alla libertà di religione viene disciplinato nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo 1 , all’articolo 18 2 , il quale prevede espressamente il diritto alla libertà religiosa e, più in particolare, il diritto di qualsiasi individuo alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione, con la precisazione che “questo diritto implica la libertà di cambiare religione, convinzione e la libertà di manifestare la religione individualmente o in comune, in pubblico o in privato, attraverso l’insegnamento, le pratiche religiose, il culto e il compimento di riti”. 3 La stessa materia è disciplinata a livello europeo dalla Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo, firmata a Roma nel 1950, con annessi vari protocolli Addizionali. Il protocollo Addizionale più importante è quello firmato a Parigi il 20 marzo 1952, in particolare l’articolo 2 4 in materia di 1 Proclamata dall'Assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948 2 Articolo 18: “Ogni individuo ha il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare religione o credo,e la libertà di manifestare, isolatamente o in comune, sia in pubblico che in privato, la propria religione o il proprio credo nell’insegnamento, nelle pratiche, nel culto e nell’osservanza dei riti”. 3 F. POCAR, La libertà di religione nel sistema normativo delle nazioni unite, in S. FERRARI e T. Scorazzi (cur.), La tutela della libertà di religione .Ordinamento internazionale e normative confessionali, CEDAM, Padova, 1998, pag.29 4 Articolo 2: “il diritto all’istruzione non può essere rifiutato a nessuno. Lo Stato, nell’esercizio delle funzioni che assume nel campo dell’educazione e dell’insegnamento, deve rispettare il diritto dei genitori di assicurare tale insegnamento in modo conforme alle loro convinzioni religiose e filosofiche”.

Anteprima della Tesi di Matteo Pegoraro

Anteprima della tesi: La sentenza della Corte Europea dei diritti dell'uomo Refah Partisi contro Turchia - Aspetti della libertà di religione in Turchia, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Matteo Pegoraro Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5280 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.