Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le convenzioni matrimoniali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Cap. I Le convenzioni matrimoniali: definizione e caratteri generali I.2 § Il necessario collegamento delle convenzioni matrimoniali con uno dei regimi patrimoniali della famiglia. L’elemento caratterizzante l’attuale nozione di convenzione matrimoniale, così come desumibile dall’art. 159 c.c., è costituito dall’intimo legame di questa con uno dei regimi patrimoniali della famiglia, nel senso che per “convenzione matrimoniale” deve intendersi, oggi, solo quell’atto che si pone quale fonte di un regime diverso da quello legale. Ma lo stretto legame esistente tra la convenzione matrimoniale, da un lato, e i regimi patrimoniali “eccezionali”, dall’altro, non va esente da contraddizioni e perplessità. Se, infatti, è innegabile che la separazione dei beni trovi la sua origine in una apposita convenzione, va constatato che l’art. 228, 1° co., l. 19 maggio 1975, n. 151 13 , ha consentito, in via transitoria, la nascita di tale regime in forza non già di una convenzione, bensì di un atto unilaterale. Discorso per certi versi analogo va compiuto in relazione al fondo patrimoniale, che può costituirsi anche per testamento e rappresenta, anche per altre ragioni, un regime, per così dire anomalo, non riguardando categorie generali ed astratte di beni, bensì beni determinati e potendo il medesimo coesistere tanto con il regime comunitario che con quello separatista. 13 Art 228, co. 1°, l. 151/1975: ”Le famiglie già costituite alla data di entrata in vigore della presente legge, decorso il termine di due anni dalla detta data, sono assoggettate al regime della comunione legale per i beni acquistati successivamente alla data medesima, a meno che entro lo stesso termine uno dei coniugi non manifesti volontà contraria in un atto ricevuto da notaio o dall’ufficiale dello stato civile del luogo in cui fu celebrato il matrimonio”.

Anteprima della Tesi di Federica Cucco

Anteprima della tesi: Le convenzioni matrimoniali, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Federica Cucco Contatta »

Composta da 233 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10425 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 42 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.