Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La previdenza complementare in Italia e nell'ordinamento comunitario. Un fondo pensione negoziale in Italia: Telemaco, fondo pensione complementare per i lavoratori delle aziende di telecomunicazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il Collegio dei Revisori dei conti, costituito da quattro membri effettivi e da due supplenti, è eletto per metà dai delegati dei soci lavoratori e per l’altra metà dai delegati delle aziende. Al Collegio dei Revisori dei conti spettano i poteri e i compiti di: a) controllare l’amministrazione del fondo; b) vigilare sull’osservanza della legge e dello statuto; c) accertare la regolare tenuta della contabilità, la corrispondenza del bilancio alle scritture contabili e l’osservanza delle norme stabilite per la valutazione del patrimonio sociale. Capitolo V Il fondo TELEMACO: prestazioni e contribuzioni Il diritto degli associati di richiedere le prestazioni pensionistiche complementari è commisurato ai soli contributi versati e ai rendimenti realizzati nella gestione delle risorse, al netto delle spese del fondo. In particolare la pensione di vecchiaia si consegue alla cessazione del rapporto di lavoro a seguito del compimento dell’età pensionabile secondo l’ordinamento previdenziale obbligatorio e con almeno dieci anni di iscrizione al fondo; quella di anzianità invece si consegue con un’età di non più di dieci anni inferiore a quella prevista per la pensione di vecchiaia dall’ordinamento previdenziale obbligatorio e con almeno quindici anni di iscrizione al fondo. Il fondo assicura a ciascun socio avente diritto l’erogazione delle prestazioni in forma di rendita vitalizia per il tramite di un’impresa di assicurazione che deve ancora essere individuata da TELEMACO. Il lavoratore avrà la facoltà di richiedere in contanti la liquidazione del capitale in misura non superiore al 50 % dell’importo maturato oppure potrà richiedere l’intero importo se questo risulterà inferiore all’assegno sociale. Trascorsi otto anni di iscrizione al fondo il socio lavoratore può conseguire un’anticipazione delle prestazioni per: a) le spese sanitarie, le terapie e gli interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche; b) le ristrutturazioni e l’acquisto della prima casa per sé o per i propri figli. Un recente orientamento della COVIP del 16 ottobre 2002 ha sottolineato l’ampliamento del novero degli eventi per i quali è possibile richiedere anticipazioni;rispettivamente per il caso di sostenimento di spese per la formazione e la formazione continua nonché per i congedi parentali. Nello stesso orientamento la Commissione ha osservato che esiste la facoltà di conseguire più anticipazioni successive, al verificarsi degli eventi previsti dalla legge. L’ammontare finanziario degli obblighi di partecipazione a TELEMACO è composto da una quota di iscrizione che attualmente è pari a 4,65 euro a carico del lavoratore e 4,65 euro a carico dell’azienda , da una quota di contribuzione ordinaria e da una quota associativa che per il 2003 è di 15,50 (di cui 7,75 euro stornate dai contributi a carico del lavoratore e 7, 75 euro stornate dai contributi a carico dell’azienda). La quota di iscrizione e la quota associativa sono destinate alla copertura degli oneri amministrativi (spese per il funzionamento degli uffici del fondo). La contribuzione al fondo si realizza attraverso: a) un’aliquota a carico del socio lavoratore; b) un’aliquota a carico della rispettiva azienda associata; c) la destinazione volontaria dell’iscritto di una quota dell’accantonamento del TFR maturando. Ciascuna di queste fonti di finanziamento è commisurata all’1 % della retribuzione assunta a base della determinazione del TFR.

Anteprima della Tesi di Nicoletta Romano

Anteprima della tesi: La previdenza complementare in Italia e nell'ordinamento comunitario. Un fondo pensione negoziale in Italia: Telemaco, fondo pensione complementare per i lavoratori delle aziende di telecomunicazione, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Nicoletta Romano Contatta »

Composta da 338 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3574 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.