Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Andrea Camilleri e il romanzo giallo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Questo «rilancio di regime» 12 , adottato dal 1931, venne accolto anche da una rivista specialistica del genere, «Il Cerchio Verde», diretta progressivamente da Mario Buzzichini, Gino Marchiori, Giorgio Monicelli e Cesare Zavattini. Il periodico, nato nel 1935 per iniziativa della Mondadori, accoglieva l’invito di dare spazio agli scrittori nostrani, ospitando sulle sue pagine autori emergenti, che fecero del romanzo giallo la loro esclusiva forma di espressione. L’intento nazional-popolare del settimanale mondadoriano era evidente fin dal formato, un tabloid pensato appositamente per una fruizione immediata e disimpegnata, da portare con sé ovunque, e da leggere in qualsiasi momento. La Mondadori, sensibile alle istanze del mercato, aveva già iniziato la sua piccola rivoluzione culturale inserendo nel catalogo delle sue pubblicazioni i classici del romanzo giallo straniero; con «Il Cerchio Verde» la visuale si allargava a comprendere autori come Varaldo e Gastone Tanzi. Un certo gusto dell’orrido non mancava sulle pagine della rivista: a partire dalle immagini di copertina, raffiguranti scene macabre d’immediato impatto emotivo, fin nelle avventure stesse, che si avvicinavano sempre più al lato “nero” del racconto, all’elemento soprannaturale: «Al crime novel, alla spy story si intrecciano sempre più spesso la fantasia macabra, la vicenda nera, l’elemento gotico e soprannaturale. La componente magico-misterica che dai folk-tales, affinandosi nelle opere del maledettismo scapigliato ottocentesco […] era straripata nell’appendicistica, da qui si riversa nella contigua zona gialla […] L’armamento dell’horror, licantropi, vampiri, scimmioni alla moda di Poe, e gli espedienti granguignoleschi (mani tagliate, teste mozze, scheletri) costellano le pagine del “Cerchio” […], che in tal modo recupera la «linea d’ombra» rifiutata e rimossa dai “Libri Gialli” e 12 Ibid., p. 44.

Anteprima della Tesi di Cecilia Fermi

Anteprima della tesi: Andrea Camilleri e il romanzo giallo, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cecilia Fermi Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10209 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.