Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili dell'usura e della polemica antiebraica nel Rinascimento. Il ''mercante di Venezia'' di Shakespeare

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Negli stessi decenni anche Martin Lutero (1483-1546), prende di mira l’ usura, attaccando tale pratica con la stessa risolutezza dei padri della Chiesa e dei papi. Anzi nei suoi due Sermoni sull’usura del 1519 e del 1520, Lutero non solo ribadisce che il prestito di denaro deve essere gratuito, ma, condanna anche quel pagamento di un compenso previsto e ammesso dal diritto canonico. Come se non bastasse, la messa in scena del Mercante di Venezia di Shakespeare ebbe in Inghilterra l’effetto di ravvivare ulteriormente le dispute dottrinali sull’usura: al nucleo ideale della commedia, il rapporto dell’uomo col denaro, la critica rivolse l’attenzione al tema dell’usura che si presentava come un importante problema sia economico che morale 4 . La discussione sulla liceità o meno dell’interesse finanziario continuò all’inizio del secolo XVII. I mercantilisti, pur credendo nella produttività della moneta, erano in favore dell’accumulazione di capitale monetario, e perciò contrari all’esazione di interessi eccessivi. Nel 1625 il filosofo Francesco Bacone, nel noto saggio sull’usura Of Usurie si pronuncia in favore dell’usura, fenomeno che il filosofo considera inevitabile e per questo da regolamentare attraverso le leggi; il completo rovesciamento della posizione aristotelica sull’usura avviene però nel Settecento a opera di uomini ‘moderni’ il cui pensiero è fortemente condizionato dalle nuove idee dell’ Illuminismo: questi affrontarono problemi dell’economia politica e del commercio comprese le questioni relative all’interesse finanziario. Verso la fine del Settecento, la Rivoluzione francese segna la fine di un’epoca, tanto in politica quanto in economia e l’Assemblea Nazionale del 1789, riconosciuta dal re Luigi XVI e proclamatasi in Costituente, deliberò la soppressione del regime feudale e la dichiarazione dei diritti dell’ uomo e del cittadino; fra le varie libertà proclamate, c’era anche la libertà del commercio e del credito. 4 J. Wilders, Shakespeare - The Merchant of Venice: a selection of critical essays, Londra 1969, pag. 17

Anteprima della Tesi di Daniela Capone

Anteprima della tesi: Profili dell'usura e della polemica antiebraica nel Rinascimento. Il ''mercante di Venezia'' di Shakespeare, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Daniela Capone Contatta »

Composta da 156 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11820 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.