Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

U.L.F.O. Sviluppo di un ricevitore per bassissime frequenze ULF 0.1-30Hz

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Andrea Ghedi 2002-www.andreaghedi.it- Istituto di Radioastronomia CNR Bologna 5 Capitolo 1 ULFO: Ultra Low Frequency Observatory 1.1 Lo spettro radio nelle ULF In questi ultimi anni nel campo degli studi sulle onde radio si sono presentate due differenti scuole di pensiero: una prima, dettata dal profitto e dal progresso tecnologico, che tende a spingersi sempre piø verso le frequenze alte (Mhz,Ghz) e una seconda, ispirata dalla ricerca scientifica (in particolare quella geologica), tesa a indagare la parte piø bassa dello spettro elettromagnetico. L interesse della comunit scientifica, va ricordato come capostipite il progetto I.N.S.P.I.R.E. (http://image.gsfc.nasa.gov/poetry/inspire) della N.A.S.A., Ł dovuto soprattutto all esplorazione delle bande basse dello spettro elettromagnetico in relazione a fenomeni atmosferici quali fulmini globulari, aurore boreali e ionizzazione dell atmosfera dovuta all impatto di micrometeoriti. Inoltre studi di geologia hanno supposto che fenomeni tettonici di origine sismica o eruttiva provochino emissioni di onde elettromagnetiche a queste frequenze. Altri fenomeni geofisici, quali le luci sismiche (Earthquake Ligths, EQL), sono individuati come possibili precursori di terremoti e le teorie sulla loro origine indirizzano a ricercare la loro impronta nel campo delle ULF-ELF-VLF. Questa se individuata ne consentirebbe il rilevamento a distanza permettendo di monitorare il territorio con sistemi di sorveglianza automatica nella banda radio. Le teorie piø accreditate sull’origine delle EQL sono la piezoelettricit (dovuto alla presenza di materiali che deformati producano un accumulo di carica), l effetto giunzione (dato dal contatto di materiale di diversa natura), la tribo elettricit (elettrizzazione per strofinamento o frizione), la piroelettricit (elettrizzazione per riscaldamento) e l’emissione exoelettrica (bombardamento della componente

Anteprima della Tesi di Andrea Ghedi

Anteprima della tesi: U.L.F.O. Sviluppo di un ricevitore per bassissime frequenze ULF 0.1-30Hz, Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Andrea Ghedi Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1922 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.