Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Imprese italiane in Ungheria. Storie di successo verso l'adesione all'Ue

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.2 Il contesto economico dopo l’ingresso nell’economia di mercato L’approccio ungherese all’economia di mercato ha fatto emergere a partire dagli anni ’90 le disparità economiche preesistenti fra le regioni dell’ Ungheria, ed ha evidenziato da subito una sostanziale distanza tra quelle situate ad ovest del Paese, maggiormente sviluppate e vicine ai mercati europei occidentali, e quelle ad est, più arretrate economicamente e confinanti con paesi dell’ Est poveri come la Romania e l’Ucraina. A questo proposito, i flussi di investimento stranieri che hanno raggiunto l’Ungheria dapprima attraverso il fenomeno della privatizzazione, 1 e successivamente attraverso investimenti di tipo “green field”, hanno privilegiato le aree occidentali, specialmente le zone attorno a Budapest e quelle Trans-danubiane. Gli investitori hanno infatti preferito aree con presenza di manodopera qualificata a basso prezzo, una rete di comunicazioni con i paesi occidentali efficiente e infrastrutture già adeguate ai bisogni di un ‘azienda moderna. La situazione attuale vede perciò la presenza in Ungheria di due situazioni territoriali contrapposte: da un lato esiste un insieme di contee caratterizzate da una forte dinamicità e da un elevato grado di sviluppo, le quali sono sempre più in grado di competere con i paesi europei più avanzati grazie ai trasferimenti di know- how operati dalle grandi aziende multinazionali situate in queste ____________________________________________________ 1 La privatizzazione ungherese ha avuto il suo massimo nel 1995, successivamente alla fine del 1997 le vendite di quote statali ammontavano a 1.400 miliardi di HUF, l’Italia ha partecipato solamente per il 3%, contro il 25% della Germania e il 13,8% degli USA (dati Informest)

Anteprima della Tesi di Francesca Ferretto

Anteprima della tesi: Imprese italiane in Ungheria. Storie di successo verso l'adesione all'Ue, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesca Ferretto Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3134 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.