Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Itinerari di autorealizzazione. Formazione e stile di vita nell'ordine dei Frati Minori Rinnovati

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 e distinzione, etc., creando magari anche un oggetto determinato da consumarsi in modo determinato. Un’ulteriore complessificazione è dovuta, infatti, alla possibilità che questo processo di moltiplicazione e di astrazione possa estendersi anche ai mezzi e al modo di soddisfare i bisogni. La creazione di un mezzo per appagare i bisogni è quanto ad esempio oggi avviene per la soddisfazione del bisogno di riconoscimento, allorché una sua particolarizzazione, quale può essere l’esigenza di benessere economico, produca la necessità di possedere l’ultimo modello di auto sportiva oppure una villa al mare o qualunque altra cosa possa rendere palese il proprio status sociale agli occhi degli altri. Nel momento in cui, oltre all’oggetto, vengono prodotte anche le modalità del consumo, diciamo allora che i bisogni si “modalizzano”. E’ questo il termine usato da Catemario per segnalare la possibilità per i bisogni di incanalarsi lungo binari di appagamento costituiti da coppie di opposti, quali ad esempio il desiderio di dominare e quello di attuare le proprie potenzialità, il desiderio di essere superiore e quello di essere considerato: “in altri termini, non esistono bisogni <>, ...perché esistono bisogni neutri che una crescita nel senso umanistico ottimale incanala su binari armonizzanti, mentre un arresto, culturale e/o individuale dello sviluppo, incanala lungo binari danneggianti, antagonistici, <> in senso universale”(Catemario, 1990, p.121). Un esempio di quest’ultimo caso verrà facilitato, precisando la distinzione ed il rapporto fra “bisogno” e “desiderio”: “In termini generali, possiamo dire che con <> si vuol sottolineare l’aspetto soggettivo del bisogno, la sua rappresentazione psichica e la consapevolezza di un oggetto da conquistare, di un fine da raggiungere; l’aspetto appetitivo di un bisogno, la presenza di un tèlos della spinta motivazionale; l’elemento di intenzionalità della condotta” (Venturini, 1995, p.108). Qualora il processo di moltiplicazione ed astrazione - dei bisogni, dei mezzi e dei modi per soddisfarli - venga a dipendere da rappresentazioni sociali riduzionistiche, ecco che molto probabilmente ci si ritroverà a desiderare cose di cui non si ha bisogno (come il desiderio di una varietà di oggetti inutili) o ad aver bisogno di ciò che non si desidera (come nel

Anteprima della Tesi di Giovanni De Gregorio

Anteprima della tesi: Itinerari di autorealizzazione. Formazione e stile di vita nell'ordine dei Frati Minori Rinnovati, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Giovanni De Gregorio Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2499 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.