Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Itinerari di autorealizzazione. Formazione e stile di vita nell'ordine dei Frati Minori Rinnovati

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 dalla sostanza una e indivisa si realizzi la pluralità dei fenomeni: “Chiamerò tempo e spazio il principium individuationis [...] imperocchè, per mezzo del tempo e dello spazio ciò che è tutt’uno nell’essenza e nel concetto apparisce invece diverso, come pluralità giustapposta e succedentesi”(Schopenhauer, op. cit., p.169).Tempo e spazio rappresentano, dunque, quelle dimensioni che permettono di individuare la pluralità nell’identico. L’effetto primario del principio di individuazione viene da alcuni autori concordemente identificato nel “centrismo”. Le caratteristiche del centrismo generale secondo Catemario sono che: “a) Ciascuno sente solo se stesso come soggettività, vale a dire come sostrato d’identità, come centro di fini... b) Gli enti del mondo vengono percepiti come qualcosa in funzione di sé e dei propri bisogni e non come si percepiscono essi stessi. Lo stesso autore nella sua analisi distingue inoltre: “un centrismo finale e un centrismo strumentale funzionale al primo, e soprattutto un centrismo finale fisico e un centrismo finale psichico, rilevando che quest’ultimo è assolutamente unico e determinante per la nostra specie...e riguarda, nella sua forma assoluta, il potere e la superiorità verso l’altro”(Catemario, 1990, p.84-85). A queste considerazioni fanno eco quelle dello storico Arnold Toynbee che soffermandosi sul ruolo dell’egocentrismo così afferma: “In altre parole, ogni essere vivente è teso a farsi centro dell’universo e in questo suo sforzo, entra in conflitto con ogni altra creatura, con l’universo stesso, e con l’energia che crea e sostiene l’universo, vale a dire la realtà assoluta sottesa ai fenomeni transitori” (Toynbee, 1984, p.18). Nel momento stesso in cui il fenomeno ha assunto un carattere individuale è iniziata, tuttavia, quella propensione ad un riequilibrio verso l’unità, interpretabile nell’ottica del principio di interrelazione come la risposta ad una condizione di non-autosufficienza che lo colloca in una relazione di assoluta ed ininterrotta reciprocità con l’ambiente circostante. Questo vale in particolare per l’organismo vivente, che al fine della propria sopravvivenza necessita di un continuo scambio di energia e di sostanze con l’esterno, ma che agisce similmente ad ”un frammento minore e subordinato dell’universo che, grazie a

Anteprima della Tesi di Giovanni De Gregorio

Anteprima della tesi: Itinerari di autorealizzazione. Formazione e stile di vita nell'ordine dei Frati Minori Rinnovati, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Giovanni De Gregorio Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2499 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.