Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sintesi di ammine secondarie per riduzione di a-ammidoalchilfenil solfoni con idruri metallici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 INTRODUZIONE Gli interessi sintetici e biologici verso le ammine altamente funzionalizzate hanno portato allo sviluppo di nuove strategie per la loro preparazione. Tale interesse è dovuto alla loro ampia attività fisiologica, e in particolare al fatto che le ammine secondarie sono farmacofori estremamente importanti in numerosi composti biologicamente attivi. Le ammine secondarie sono state ampiamente studiate come intermedi sintetici nella preparazione di farmaci 1 , come ad esempio composti di struttura generale 1 (Figura 1), che fanno parte di numerosi inibitori enzimatici, sistemi eterociclici ed agenti terapeutici. Figura 1 N RO O R 1 R 2 O OR H 1 R = Me o Et; R 1 , R 2 = H, CH 3 , CH 2, (CH 2 ) 2 o (CH 3 ) 3 . La dopamina 2 (DA) (Figura 2), è una molecola oggetto di studi da più di trenta anni e presenta attività neurotrasmettitrice nel sistema nervoso centrale (CNS). Figura 2 HO HO NH 2 2 E’ stato dimostrato che la DA gioca un importante ruolo in molte malattie neurologiche e psichiatriche, come pure nella regolazione vascolare.

Anteprima della Tesi di Michela Mataloni

Anteprima della tesi: Sintesi di ammine secondarie per riduzione di a-ammidoalchilfenil solfoni con idruri metallici, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Michela Mataloni Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1022 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.