Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tra retorica e storia: la metahistory di Hayden White

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO I 11 particolare delle belles lettres. Soltanto successivamente, durante tutto il diciannovesimo secolo e fino alla prima metà del ventesimo secolo, è rilevabile uno sforzo teso a trasformare la disciplina storica in qualcosa di autonomo. Sia che si considerino gli sforzi degli storici di professione (Michelet e Marc Bloch, solo per citare due nomi che, pur nella loro distanza, hanno difeso l’autonomia della Storia), sia che si considerino i numerosi interventi da parte dei filosofi (Dilthey e Hempel, nuovamente per citare due esempi distanti tra loro), l’intenzione comune riscontrabile è quella di affrancare la storiografia dalla sua dimensione letteraria per fornirla di una epistemologia rigorosa. Le strade percorse in questo senso sono fondamentalmente tre: lo storicismo di stampo tedesco; la storiografia francese, in particolar modo la scuola delle Annales; il neopositivismo. A partire dal 1964, anno della pubblicazione di Philosophy in Historical Understanding 5 di William Gallie, il narrativismo si affianca alle posizioni storiografiche già esistenti, peraltro tutte investite da una profonda crisi (fatta esclusione per la scuola delle Annales la quale, composta da storici e non da filosofi, ha continuato negli anni un’intensa attività sia di ricerca, sia teorica 6 ). 5 W. Gallie, Philosophy and Historical Understanding, in «History and Theory», 1963. 6 Nonostante Marc Bloch, fondatore della scuola delle Annales, abbia dichiarato polemicamente che, dal punto di vista teorico, egli non è stato altro che “un artigiano che ha sempre amato meditare sul proprio compito quotidiano” (M. Bloch, Apologia della storia o Mestiere dello storico, Torino, 1998, p.18), i contributi teorici delle Annales hanno concorso in modo determinante alla ridefinizione dell’attività storica. In particolar modo le Annales hanno aperto la Storia verso discipline anche distanti, come la geologia o la biologia, scorgendo nel contributo che

Anteprima della Tesi di Dario Carmassi

Anteprima della tesi: Tra retorica e storia: la metahistory di Hayden White, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Dario Carmassi Contatta »

Composta da 282 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3680 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.