Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La minoranza tedesca in Cecoslovacchia e i suoi rapporti con la Germania nazista (1933-1939)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

19 Sudetendeutsche erano Polacchi germanizzati. I matrimoni misti fra cechi e tedeschi erano molto comuni e la stessa famiglia poteva cambiare nazionalità con il passare delle generazioni. Lo stesso Henlein era di origine ceca, cosa che tuttavia non compariva mai nelle sue biografie ufficiali. Sua madre infatti si chiamava Hedwig Anna Dvorackova e proveniva da una famiglia contadina ceca 24 . I tedeschi vivevano in una regione grande all’incirca quanto il Belgio (circa 25.000 metri quadrati), insediati nell’arco montuoso che circonda Boemia e Moravia e che è anche detto quadrilatero boemo 25 . Queste montagne (i monti Sudeti a nord est, i Monti Metalliferi a nord-ovest, la Selva boema e le Alture di Moravia) rappresentavano una linea di difesa naturale per il paese. Alla conferenza di pace i delegati cechi avevano molto insistito sul mantenimento della Boemia ‘storica’, fondando le loro richieste proprio sull’argomento strategico-militare. Senza queste frontiere naturali si sarebbero trovati completamente scoperti in caso di attacco tedesco. 2424 Henlein cercò sempre di nascondere le origini di sua madre e non vi fece mai riferimento nelle sue biografie ufficiali Nelle sue biografie Henlein cercò sempre di nascondere questi suoi antenati cechi. Vedi V. Arndt, Die Fahne von Saaz, Magdeburg, 1998 pp..51-52. Nel ‘41 fece anche cambiare il nome della madre da ragazza Dvorácková sul suo certificato di nascita in Dworaschek, la versione tedesca del nome. Vedi R. Smelser, The Sudeten Problem 1933-1945, Alma, Michigan, 1974, p. 66 25 La Cecoslovacchia era un paese lungo e stretto. La sua parte occidentale (Boemia, Moravia e Slesia) era un promontorio circondato da tre parti dalla Germania, che possedeva una grande catena montuosa che era una specie di barriera naturale. In passato essa aveva diviso i Tedeschi che avanzavano verso est lungo il Danubio dagli Slavi. La parte interna di questa terra era composta di pianure e vallate. I confini naturali non corrispondevano ai confini etnici. Dentro questo fortino naturale c’era una lunga storia di rivalità fra i Tedeschi e i Cechi. I Tedeschi, che provenivano da regioni germaniche diverse (Baviera, Sassonia, Franconia), si intrecciavano spesso sul territorio con i Cechi, di modo che in alcune zone era molto difficile tracciare dei confini etnici.

Anteprima della Tesi di Federica Donnini

Anteprima della tesi: La minoranza tedesca in Cecoslovacchia e i suoi rapporti con la Germania nazista (1933-1939), Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Federica Donnini Contatta »

Composta da 241 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1742 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.