Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La minoranza tedesca in Cecoslovacchia e i suoi rapporti con la Germania nazista (1933-1939)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 prima ondata ne seguirono altre, nel XII e XIII secolo, durante il regno di Ottocaro II (1253-1278) 5 . L’influenza tedesca continuò a manifestarsi nel corso del secolo XIV quando, spentasi la dinastia dei Premysili, subentrò quella di Lussemburgo con Giovanni. Praga, diventata una grande città dell’Europa centrale e sede di un’Università dal 1348, era sotto la sfera tedesca. Carlo, figlio di Giovanni di Lussemburgo, fu incoronato imperatore e re di Germania. Il movimento hussita, che ebbe un forte sfondo nazionalistico, sviluppò un’importante opposizione politica e culturale all’elemento tedesco, che sfociò in guerre rovinose fra l’imperatore Sigismondo e i Boemi 6 . La Corona di Boemia nel 1526 passò agli Asburgo e nel 1547 la Boemia fu dichiarata stato ereditario della Corona d’Austria. L’influenza tedesca riprese così nuovo vigore, specie quando Rodolfo II decise di trasferire la capitale dell’Impero a Praga. Incessante durante tutto il XVI secolo continuò l’immigrazione tedesca. I Tedeschi si dedicavano alla lavorazione del legno e alla tessitura, all’industria estrattiva e a quella vetraia. In molte città boeme diventarono la maggioranza, ma anche nell’arco montano crebbe la rappresentò un primo motivo di contrapposizione fra i due popoli. Vedi F. Leoncini, op. cit., pp. 28-33. 5 Sotto Ottocaro I la Boemia aveva ottenuto da Federico II la dignità regia, con la Bolla aurea del 1212. I re Boemi diventarono così principi elettori dell’Impero Germanico. Sotto Ottocaro II la potenza boema raggiunse il suo apogeo. Ibidem, p. 30 6 L’impegno religioso riformatore di Hus si innestò in una situazione già molto tesa che vedeva la contrapposizione fra i contadini cechi più poveri e quelli tedeschi più ricchi e fra la ricca borghesia tedesca delle città e la nobiltà ceca, minacciata dalla manomorta ecclesiastica. Ibidem, p.39 Il movimento hussita riuscì a indebolire la posizione della Chiesa cattolica in Boemia e segnò la fine della convivenza pacifica fra Tedeschi e Cechi. Jan Hus fu in seguito considerato un patriota ceco e diventò eroe nazionale. Vedi H. Bogdan, Histoire des pays de l’Est, 1991, trad. it. Storia dei Paesi dell’Est, Torino 1991, p. 57

Anteprima della Tesi di Federica Donnini

Anteprima della tesi: La minoranza tedesca in Cecoslovacchia e i suoi rapporti con la Germania nazista (1933-1939), Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Federica Donnini Contatta »

Composta da 241 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1742 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.