Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Inquinamento elettromagnetico quotidiano a frequenza industriale (50-60 Hz) in ambienti confinati. Possibili soluzioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 Il sistema uomo agisce sui fattori socioculturali e a sua volta ne è influenzato, subisce l'influenza degli elementi di origine extraterrestre, che esplicano a loro volta un'azione sui fattori di origine terrestre, i quali sono in rapporto diretto con i fattori tecnologici prodotti dall'uomo. Facendo riferimento a questo schema, si può introdurre il concetto di ambiente elettromagnetico, caratterizzato da specifici parametri : campo elettrico e campo magnetico. Ad esempio, le radiofrequenze e le microonde sono presenti nell’ambiente come fondo naturale generato dalla terra, dal sole e dalle galassie e in generale da qualunque corpo si trovi ad una temperatura maggiore dello zero assoluto. Sovrapposto a questo fondo, sono presenti le emissioni dovute alle sorgenti artificiali: il campo elettromagnetico dovuto al fondo naturale associato a quello generato dai fattori di origine tecnologica costituisce l’ambiente elettromagnetico. Tutte le forme di vita sulla terra hanno raggiunto un rapporto di equilibrio biologico con i fenomeni fisici generati dal campo di radiazioni Questo è costituito: dalla radiazione solare diretta ed indiretta (lunare), che ci giunge sotto forma di luce, di raggi ultravioletti ed infrarossi, dalla radiazione elettromagnetica con lunghezza d’onda variabile corrispondente ad una frequenza d’oscillazione sull’ordine del GigaHertz (1 GigaHertz corrisponde ad un miliardo di oscillazioni al secondo). Questa radiazione a microonde, di origine esterna alla nostra galassia, la Via Lattea, viene denominata radiazione di fondo extragalattica. Scoperta nel 1965 da Penzias e Wilson, ha un’influenza determinante sui processi vitali. Oltre alla radiazione cosmica, esiste anche una radiazione neutronica, derivante dai processi di decadimento radioattivo degli isotopi degli elementi pesanti presenti nella crosta terrestre, in parte già trasformata nella terra stessa in radiazioni a microonde. L’azione congiunta di queste radiazioni di varia provenienza: cosmica, solare e terrestre, da origine al campo di radiazioni naturali del nostro ambiente, che attraversa tutta la materia vivente e non. L’ingegner B. Audisio afferma che la terra è caratterizzata da un campo magnetico e da un campo elettrostatico normalmente negativo. Il campo elettrico varia di intensità con un crescendo in senso latitudinale, dall’Equatore verso i Poli, varia tra l’alba il tramonto, con le stagioni, con le stagioni, con l’altitudine del suolo. L’azione dell’ambiente elettromagnetico artificiale negli ambienti ad aria confinata (domestico, scolastico, sanitario) e in quelli ad aria libera (agreste e urbano) esplica un effetto sulla salute dell’uomo in modo sinergico con la presenza di: 1. diversi elementi di natura elettrica, ad esempio vicinanza di una linea di distribuzione dell’energia elettrica a 50 Hz e prossimità di una stazione trasmittente a radiofrequenza; 2. fattori di origine tecnologica non elettromagnetica, per esempio inquinanti chimici; 3. elementi di origine sociale (stili di vita e di lavoro). È’ importante sottolineare come negli ultimi anni, siano state compiute da vari autori di diverse nazioni numerose ricerche sperimentali, dalle quali risulta evidente che quando il rapporto tra la concentrazione di ioni negativi e positivi presenti nell’aria è sbilanciato a favore di questi ultimi, risulta favorita l’insorgenza di malesseri, quali disturbi di vario tipo a carico del sistema endocrino, neuroumorale, del sistema nervoso e, di conseguenza, sul comportamento. Per contro, un’adeguata concentrazione di ioni negativi aerei risulta favorire stati di benessere, d’euforia e di sensazione psicofisiche di adeguatezza. La concentrazione di ioni positivi e negativi, cioè le molecole presenti nell’aria (ossigeno, azoto, vapore acqueo, ecc.), elettricamente cariche, è rilevata attraverso lo “ionmeter”. Dalle ricerche eseguite, si nota che l’uomo vive totalmente immerso nelle radiazioni elettromagnetiche, nei campi elettrici e magnetici statici e variabili, e non solo sul posto di lavoro.

Anteprima della Tesi di Marylise Pollini

Anteprima della tesi: Inquinamento elettromagnetico quotidiano a frequenza industriale (50-60 Hz) in ambienti confinati. Possibili soluzioni, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Marylise Pollini Contatta »

Composta da 295 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2424 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.