Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dalla checklist al sistema informativo: strumenti di rilievo e metodi di valutazione della qualità negli ambienti di vita e di lavoro

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La salubrità degli ambienti confinati. Politecnico di Milano - BEST 20 causare uno stato di stress generale, contraddistinto da manifestazioni sin- tomatiche di disordine neuro-psichico. Fattori di disturbo possono essere le conversazioni tra colleghi delle postazioni vicine, ma anche la rumorosità di apparecchiature connesse con attività incompatibili, la mancanza di privacy, o ancora l’eccessivo affollamento. 1.2 LE BUILDING RELATED ILLNESS. Con il termine Building Related Illness (BRI) si fa riferimento agli stati pato- logici generati dall’esposizione alle condizioni ambientali di un edificio, nei casi in cui siano riscontrabili i sintomi di una malattia specifica e sia possibi- le identificare gli agenti scatenanti. Nello scatenarsi delle BRI sono coinvolti diversi fattori: agenti di sensibilizzazione immunologica, agenti infettivi, specifici contaminanti dell’aria e le condizioni microclimatiche, come tempe- ratura ed umidità 15 . Di seguito si discute di alcune manifestazioni patologi- che legate ai contaminanti presenti negli ambienti confinati, l’intento non è la rappresentazione di un quadro completo, ma l’indicazione di alcune noti- zie generali sulle possibili patologie imputabili alle condizioni ambientali in- terne. Tra le infezioni correlate agli edifici occorre citare la Legionellosi: l’episodio più noto risale al luglio 1976, durante il raduno annuale dei membri dell’American Legion, da cui il nome Legionaire Disease. L’episodio si pre- sentò sotto forma di una manifestazione febbrile polmonare, con effetti leta- li, non associati all’età dei partecipanti. Dopo accurati accertamenti si arrivò alla conclusione che all’origine dell’epidemia vi era un battere (la Legionel- la appunto) che, insediatosi nell’impianto di condizionamento, era stato immesso nell’aria di ventilazione dei locali, provocando l’infezione per via aerea dei soggetti 16 . Un altra malattia d’origine batterica riscontrata in edifici dotati di impianti di climatizzazione è la febbre da umidificatore. L’agente patogeno si moltiplica negli impianti di umidificazione dell’aria e si moltiplica durante la fermata degli impianti nei fine settimana e, al lunedì, con l’avvio degli impianti, in- quina l’aria e contagia gli occupanti dell’edificio (da qui la definizione di “malattia del lunedì”). I sintomi sono tosse, affezioni respiratorie e stati feb- brili. Tra gli effetti tossici degli inquinanti biologici si ricorda l’azione di alcune muffe che producono microtossine, responsabili di danni all’organismo an- che sotto forma d’immunodeficienza. A modeste concentrazioni alcune mi- 15 G. Muzi, L. Molhave, B. Berglund; Health Effects of Indoor Air Pollution; in:[MARONI1995] Op.cit. 16 [MARONI1991] Marco Maroni et al.; Habitat costruito inquinamento e salute; Franco Angeli, Milano, 1991.

Anteprima della Tesi di Alberto Caccia

Anteprima della tesi: Dalla checklist al sistema informativo: strumenti di rilievo e metodi di valutazione della qualità negli ambienti di vita e di lavoro, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alberto Caccia Contatta »

Composta da 371 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2575 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.