Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo di un dispositivo ad infrarossi per misure in vivo di temperatura per applicazioni cardiochirurgiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

L’insufficienza del flusso sanguigno può causare un forte dolore al petto noto con il nome scientifico di angina pectoris o angina da sforzo, se compare solo durante uno sforzo e scompare con il riposo. Quando la coronaria è ristretta in modo più severo il dolore può comparire anche a riposo, poiché il flusso di sangue che arriva al miocardio non è tale da permettere al muscolo di compiere la normale attività. I medici definiscono questa malattia con il termine di angina instabile, una condizione più grave dell’angina da sforzo, che richiede l’immediato ricovero in ambiente ospedaliero. Se non si interviene la placca può aumentare le sue dimensioni fino a rompersi e generare così un trombo cioè un “tappo” di sangue coagulato che causa la totale interruzione del flusso sanguigno: in questo caso compare un forte dolore al petto che può durare più di 20 minuti, a volte accompagnato da dolore al braccio sinistro e/o alla gamba sinistra, senso di costrizione alla gola e affanno. Talora il dolore può essere localizzato in corrispondenza dello stomaco ed essere confuso con una banale indigestione. Il dolore è dovuto al fatto che le cellule del cuore, private improvvisamente dell’ossigeno, muoiono: tutto ciò si verifica in corso di infarto miocardico acuto. È importante riconoscere tempestivamente i segni dell’infarto, poiché intervenendo tempestivamente è possibile riaprire la coronaria chiusa ed impedire che una parte del muscolo cardiaco muoia o almeno limitare la zona di miocardio colpita dall’infarto. Purtroppo ancora oggi le malattie cardiovascolari sono la maggiore causa di mortalità nel mondo occidentale.

Anteprima della Tesi di Salvatore Melchionda

Anteprima della tesi: Sviluppo di un dispositivo ad infrarossi per misure in vivo di temperatura per applicazioni cardiochirurgiche, Pagina 7

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Salvatore Melchionda Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1966 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.