Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo di un dispositivo ad infrarossi per misure in vivo di temperatura per applicazioni cardiochirurgiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

L’impianto di un bypass coronarico viene effettuato con un intervento chirurgico detto a cuore aperto, il nome indica che durante l’operazione il cuore è esposto all’ambiente e viene fermato, ovvero non svolge più la funzione di pompa sanguigna, che viene svolta artificialmente da una macchina esterna detta macchina cuore-polmone. La tecnica chirurgica standard prevede un'incisione verticale sulla parete anteriore del torace a livello dello sterno (sternotomia mediana). Attraverso questa incisione il chirurgo domina agevolmente il cuore e l'aorta ascendente. La procedura prevede poi la connessione del paziente alla macchina cuore-polmone che permette la circolazione extra-corporea quando il cuore viene fermato iniettando nelle coronarie una soluzione chimica a temperatura molto bassa (cardioplegia). Nella macchina cuore polmone il sangue viene ossigenato e spinto di nuovo nel sistema circolatorio: esso subisce anche un raffreddamento fino alla temperatura di 25-32 °C in modo tale da ridurre al minimo le funzioni metaboliche del paziente. Viene quindi effettuato il bypass aorto-coronarico. Alla fine dell'intervento il cuore riprende la sua attività contrattile ed il paziente viene disconnesso dalla macchina cuore-polmone. Un'altra tecnica nota consiste nell’eseguire il bypass senza l'uso della circolazione extracorporea; durante l'operazione il cuore continua a battere mentre il chirurgo esegue l'intervento, con l’aiuto di uno strumento detto stabilizzatore. In questo modo il tratto di miocardio su cui si trova l’arteria coronaria viene tenuto in tensione e non risente del movimento del muscolo cardiaco, quindi il chirurgo può

Anteprima della Tesi di Salvatore Melchionda

Anteprima della tesi: Sviluppo di un dispositivo ad infrarossi per misure in vivo di temperatura per applicazioni cardiochirurgiche, Pagina 9

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Salvatore Melchionda Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1966 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.