Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Repubblica di Salò attraverso le pagine del Corriere della Sera: gli eventi, le cronache, i commenti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 professionale: «Nessuno ha dormito questa notte a Milano. Sentivamo sveglia la città, mentre noi si lavorava in un’atmosfera di entusiasmo. È difficile fare noi stessi un giornale, quando per venti anni ce lo siamo visto dettare un Ministero. Le discussioni erano molte, i pareri non sempre concordi. Ma poi dal tessuto connettivo stesso di questo vecchio “Corriere”, dal suo non sepolto passato è nata la direttiva, la presa di posizione che oggi si afferma e che sarà mantenuta: libera via alla verità, alla volontà del popolo, alla sua sete di giustizia» 11 . Questo evento, questa giornata rimarrà ovviamente nella storia: «Tale ci appare Milano, oggi 26 luglio 1943: una data che non dimenticheremo. Per noi, significa il ritrovato amore alla nostra libera fatica» 12 . A pagina tre del quotidiano del 27 luglio si trova un bell’articolo di “colore”, Dall’altra sera alle undici, quello che dice la gente, che testimonia ulteriormente le reazioni della popolazione alla clamorosa notizia dell’abbandono di Mussolini. Chi ne era a conoscenza era euforico, anche se poi non sapeva bene come indirizzare tale entusiasmo. Chi non era informato, era diffidente e timoroso e questo brano lo chiarisce bene: «In paese trovammo altra gente che non sapeva nulla. Quando dicemmo loro di che si trattava, rimasero increduli e minacciarono di buttarci in mare se non era vero ... qualcuno s’affacciava alla finestra e chiese cosa succedeva. Chiedemmo a nostra volta se non avevano sentito nulla. No, non avevano sentito nulla e qualcuno ci chiuse i vetri in faccia per paura di compromettersi ascoltando simili eresie» 13 . La gente riassapora il gusto di parlare, di commentare, di esprimersi liberamente 11 Il patriottismo di Milano, Corriere della Sera, 26-27/07/1943 12 Ivi 13 Dall’altra sera alle undici, quello che dice la gente, Corriere della Sera, 27/07/1943

Anteprima della Tesi di Alberto Mazzi

Anteprima della tesi: La Repubblica di Salò attraverso le pagine del Corriere della Sera: gli eventi, le cronache, i commenti, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alberto Mazzi Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5546 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.