Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ignorantia legis scusabile ed inescusabile. Orientamenti dottrinari e giurisprudenziali con particolare riferimento al settore ambientale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 CAPITOLO II: IGNORANTIA LEGIS SCUSABILE E PRINCIPIO DI COLPEVOLEZZA Sommario: 1. Dalla inescusabilità assoluta alla inescusabilità relativa: la “storica” sentenza n.364/88 della Corte Costituzionale ed il “restaurato” principio di colpevolezza. 2. Criteri per determinare l’inevitabilità dell’errore sul precetto penale. 3. Riflessi interpretativi sull’art.47, ultimo comma, c.p. e sullo “stato di dubbio”. 1. Dalla inescusabilità assoluta alla inescusabilità relativa: la “storica” sentenza n.364/88 della Corte Costituzionale ed il “restaurato” principio di colpevolezza. Il principio dell’inescusabilità dell’ignoranza della legge penale è un principio di costruzione romanistica che ha imperniato di sé diversi ordinamenti ed è passato indenne al vaglio di una storia secolare.

Anteprima della Tesi di Giampiero Calia

Anteprima della tesi: Ignorantia legis scusabile ed inescusabile. Orientamenti dottrinari e giurisprudenziali con particolare riferimento al settore ambientale, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giampiero Calia Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2026 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.