Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il concetto di ''nuove prove'' ai fini della revisione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Per parte sua, la dottrina continua ad includere nella nozione di “ prova nuova” gli elementi conoscitivi acquisiti al processo, ma pretermessi dal giudice 4 , negando, altresì, qualsiasi rilievo all’eventuale condotta omissiva o negligente della parte interessata ad introdurre, nel precedente giudizio di merito, il dato probatorio posto a fondamento dell’impugnazione straordinaria 5 . Quanto alla giurisprudenza, occorre distinguere: mentre, inizialmente, ha prevalso un indirizzo elastico, tendente a ricomprendere nel novum ogni situazione in cui l’elemento probatorio, sebbene esistente al tempo del giudizio e risultante dagli atti, non sia stato conosciuto o anche valutato dal giudice 6 , a prescindere dalla riferibilità di tale omissione ad un’eventuale negligenza della parte o del difensore ovvero ad un difetto di iniziativa officiosa del giudice stesso 7 , successivamente, sulla scorta di un retrivo intervento delle Sezioni Unite 8 , si è diffuso un diverso orientamento, propenso a recuperare attraverso il giudizio di revisione le sole prove non conosciute, né 4 Lo sostengono, tra gli altri, BATTISTELLI, Rilievi minimi in tema di “novità” della prova nel giudizio di revisione, in Giur. it., 1997, II, p. 292; BARGIS, Prove nuove ai fini della revisione, ivi, 1992, II, p. 772; CRISTIANI, Manuale, cit., p. 498; DE DONNO, Prova “sopravvenuta” e prova “non valutata” ai fini della revisione, in Giur. it., 1996, II, p. 173; ERMINI, Appunti sul concetto di novum nel giudizio di revisione, in Cass. pen., 1992, p. 2798; GALATI, Le impugnazioni, cit., p. 520 5 A tal proposito, oltre agli Autori citati nella nota precedente, v. anche ERMINI, Revisione ed omessa declaratoria di cause estintive del reato preesistenti alla condanna, in Cass. pen., 1992, p. 418; VESSICHELLI, Le “nuove prove” nella revisione, ivi, p. 1065. 6 Cfr. Cass., Sez. I, 14 dicembre 1992, Martello, in Arch. nuova proc. pen., 1993, p. 475. 7 Cfr. Cass., Sez. I, 27 febbraio 1993, Curreli, in Arch. nuova proc. pen., 1993, p. 816. 8 Si tratta di Cass., Sez. un., 11 maggio 1993, Ligresti, in Cass. pen., 1993, p. 2499; nonché in Arch. pen., 1993, p. 410, con nota critica di SCALFATI, Omesso esame di risultati probatori sul fatto estintivo e ammissibilità della revisione.

Anteprima della Tesi di Mirko Massimo Petrachi

Anteprima della tesi: Il concetto di ''nuove prove'' ai fini della revisione, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Mirko Massimo Petrachi Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5538 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.