Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La presenza del crocifisso nei luoghi pubblici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

sarà lasciato alla cura ai rispettivi parenti. Nelle leggi speciali e nei regolamenti relativi all’insegnamento pubblico si determinano le cautele da osservarsi nella direzione ed istruzione religiosa degli alunni cattolici” 9 . Due anni più tardi, la legge 13 novembre 1859 n. 3725 (la c.d. legge Casati) stabilì l’obbligo dell’istruzione religiosa secondo la confessione cattolica e stabilì l’esonero per gli acattolici e per coloro cui il padre o chi ne facesse le veci avesse per iscritto dichiarato di “provvedere privatamente all’istruzione religiosa” 10 . Anche queste leggi, poi estese alle altre regioni d’Italia, non sempre venivano applicate in conformità al principio in esse affermato (si ricordi ad esempio la circolare Correnti del 29 settembre 1870 che rese facoltativo l’insegnamento della religione per gli allievi della scuola elementare). La politica ecclesiastica della Destra storica pur ispirata dalla volontà di dare attuazione alla formula “libera Chiesa in libero Stato”, subì l’influenza di atteggiamenti riconducibili a diverse matrici ideologiche (alcuni esponenti della destra di stampo liberale tendevano a collegare il rafforzamento dello Stato con l’attuazione di un programma di rinnovamento della Chiesa; altri esponenti, provenienti dalla classe politica degli Stati preunitari, subivano l’influenza della tradizione 9 Da notare che in tale norma la religione cattolica in conformità all’articolo 1 dello Statuto Albertino veniva considerata “fondamento dell’istruzione e dell’educazione” ma soltanto di quella religiosa, e non, come invece stabilirà il legislatore del 1929, di tutta l’istruzione pubblica. Cfr. contenuta in Lariccia S., Diritto Ecclesiastico, Cedam, Padova, p. 16. 10 La legge Casati è anche il provvedimento che per la prima volta prescrisse l’esposizione del crocifisso in tutte le aule scolastiche, in Zannotti Luciano, “Il crocifisso nelle aule scolastiche”, Il Diritto Ecclesiastico, 1990, p. 325.

Anteprima della Tesi di Francesca Giovannini

Anteprima della tesi: La presenza del crocifisso nei luoghi pubblici, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesca Giovannini Contatta »

Composta da 267 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16085 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 87 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.