Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tracce di statica archimedea in L. B. Alberti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 nelle sue parti concernenti questioni di meccanica teorica o applicata, come nel caso della leva o di problemi nei quali occorre conoscere quel tanto di matematica che consenta di com-prendere l’oggetto del discorso. La formulazione albertiana del problema della leva propone, in modo palese, un passaggio chiave della dimostrazione archimedea che sembra essere sfuggito all’attenzione degli studiosi. Seguendo la descrizione albertiana, la condizione di equilibrio viene espressa dall’eguaglianza dei due numeri che esprimono il peso e la distanza ai due lati del fulcro: dalla somma e non dal prodotto. Si giunge cioè alla ben più semplice conclusione che l’equilibrio interviene quando il numero esprimente la lunghezza del braccio a sinistra eguaglia il numero esprimente il peso a destra, e viceversa; da cui, come afferma Alberti, l’eguaglianza delle somme dei numeri che esprimono le quantità in gioco a sinistra e a destra del fulcro. Lo studio della leva nella trattazione albertiana non ha sollecitato l’attenzione che avrebbe meritato; si tace la regola che egli intuisce (mala singolarità di ciò che è scritto non ne spiega i motivi), oppure vi si legge un errore palese poiché si convinti, e nessuno potrebbe negarlo che la leva sia regolata dal prodotto e non dalla somma di forza per braccio. Si citerà sia per l’autorevolezza dei traduttori e curatori critici, sia perché è l’ultima edizione, quella inglese del 1988 nella quale, a commento complessivo del passo citato, si legge nientemeno che si tratterebbe di “una prima formulazione del momento flettente che avrebbe impegnato sia Leonardo che Galileo”, ed ancora che “ovviamente è il prodotto, non la somma di distanza e peso che deve essere eguale da entrambi i lati perché lo strumento sia in equilibrio” 1 . Ciò è dovuto, probabilmente al fatto che nessuno ha pensato che nel testo albertiano potesse trovarsi qualcosa avente 1 I. RIKWERT, N. LEACH, R. TAVERNOR, On the art of Building in ten books. Cambridge 1988.

Anteprima della Tesi di Gabriella Reale

Anteprima della tesi: Tracce di statica archimedea in L. B. Alberti, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Gabriella Reale Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1816 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.