Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tracce di statica archimedea in L. B. Alberti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 Storia del principio della leva Sulla Teoria della leva esistono abbondantissime tracce a partire da Aristotele attraverso tutta la medievale Scienza dei pesi; mai però nella forma enunciata dall’Alberti. E’ noto che gli storici della Meccanica, distinguono l’approccio aristotelico da quello archimedeo attribuendo al primo carattere dinamico,statico al secondo; si tratta in realtà di un particolare modo di intendere il particolare problema della leva che essendo sistema a vincoli incompleti, si presta ad essere indagato contemporaneamente sotto l’aspetto statico e cinematico: di qua, giustamente è stato rilevato una sorta di Principio delle velocità virtuali in nuce. Il problema della leva occupa molto spazio nelle opere medievali dedicate alla Scienza dei pesi, con indubbia prevalenza dell’approccio aristotelico, di rado si riconosce in essi e non senza forzature l’approccio archimedeo. Aristotele, o chi si cela dietro lo pseudo- Aristotele nei Problemi Meccanici 2 , ne fornisce una prima trattazione fatta di domande cui seguono risposte qualitativamente corrette ma inutilizzabili sul piano pratico; l’atteggiamento di Archimede è completamente diverso perché egli sa bene che il non equilibrio produce moto, ma riesce ad esprimere le condizioni che devono essere verificate affinché ciò non avvenga sempre come condizioni di simmetria. Inoltre il confronto tra la formulazione archimedea e le affermazioni albertiane getta nuova luce su tutta la questione. Grazie alle suggestioni che scaturiscono dalla lettura del testo albertiano, si può concludere che Archimede non sta proponendo la teoria generale dell’equilibrio del corpo rigido, bensì, e più semplicemente, il teorema che stabilisce il comportamento della leva quando le forze che gravano sono solo e soltanto pesi. 2 ARISTOTELE, Mechanical Problems, minor works, Oxford 1963. Vd. Bibliografia generale

Anteprima della Tesi di Gabriella Reale

Anteprima della tesi: Tracce di statica archimedea in L. B. Alberti, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Gabriella Reale Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1817 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.