Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Realismo nel modello della concorrenza, un’esplorazione con Swarm e JAS

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1. Introduzione 11 • Che si utilizzano esperimenti in laboratorio, così lo scienziato può controllare le condizioni nelle quali i fenomeni avvengono ed anzi li provoca, comprendendo bene quali sono gli elementi e le concomitanze di essi che ne causano il verificarsi. Ciò che contraddistingue e caratterizza il sapere scientifico è il legame tra le teorie elaborate ed i fatti empirici a cui si riferiscono. Così non è scienza l’elaborazione di teorie priva di analisi dei fatti empirici ed altrettanto non è sufficiente a far sì che si parli di scienza, l’osservazione dei fatti empirici, senza che essi vengano poi elaborati in teorie che ne possano dare una spiegazione e una comprensione. 1.2 Modelli economici Non è il caso di dare una definizione univoca e certa di cosa sia la complessità nello studio dei fenomeni reali, ma è necessario chiarire cosa intendiamo qui quando ci riferiamo ad un fenomeno economico complesso. Per complessità intendiamo l’insieme di relazioni e di collegamenti che si instaurano in un sistema popolato da individui che svolgono azioni semplici. Il termine “complesso” non deve essere confuso con “complicato”, da Terna (2003), se prendiamo ad esempio un motore a scoppio, è certamente molto complicato, ma smontandolo riusciamo a comprendere il funzionamento di ogni sua parte, e quale sia il suo contributo al funzionamento del sistema. Un formicaio, invece, è un sistema complesso, difficile da comprendere, pur osservando il suo funzionamento, poiché attuando un approfondito esame delle sue diverse componenti (i diversi tipi di formiche), le informazioni che possiamo trarre non spiegano nulla, né dei meccanismi con cui agiscono le diverse parti, né sulla meccanica del sistema. Per comprendere il formicaio, ma si può estendere il concetto all’economia ed ai suoi sub-sistemi come ad esempio i consumatori ed il mercato, occorre studiare contemporaneamente le componenti (le formiche, differenziate per funzioni, o i “semplici” agenti economici) ed il sistema aggregato che ne deriva (formicaio o mercato). La teoria sulla complessità tenta di cambiare la visione classica che si ha dell’economia, concentrando l’attenzione non sulla spiegazione del fenomeno economico, ma sulla comprensione della natura dello stesso. L’analisi proposta dagli studiosi prende il via dall’assunzione di complessità, ed intorno a tale concetto fa ruotare più che una teoria, una tecnica di avvicinamento all’economia. Non si vuole spiegare un particolare evento, con un definito modello teorico; piuttosto si cerca di vedere i fatti da un punto di vista diverso. Gli studiosi di complessità non cercano una definizione del concetto, ma solo la sua esemplificazione. Definire la complessità implicherebbe perdere il significato intrinseco del

Anteprima della Tesi di Alessandro Bena

Anteprima della tesi: Realismo nel modello della concorrenza, un’esplorazione con Swarm e JAS, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Bena Contatta »

Composta da 146 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 467 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.