Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodi di compressione Jpeg e Jpeg2000 per immagini fisse

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 visivo, che si indica pure con il termine di irrilevanza. Essa concerne quella parte di informazione che può essere rimossa senza conseguenze evidenti dal punto di vista percettivo. La rimozione della irrilevanza è irreversibile. Le tecniche di compressione dei dati digitali si possono classificare in due grandi categorie a seconda che puntino a ridurre la ridondanza oppure la irrilevanza presenti sul segnale. Nel primo caso si parla di tecniche di compressione senza perdita (di informazione) o non distruttive o lossless, nel secondo di tecniche con perdita o distruttive o lossy. 1.2.1 Compressione senza perdita Con le tecniche di compressione senza perdita è possibile riottenere una rappresentazione che è numericamente uguale all’ originale. Siccome la qualità dei dati ricostruiti è elevata, il fattore di compressione raggiungibile con tali metodi non è molto alto, in genere si ottengono rapporti di 2:1. Tra le più comuni tecniche senza perdite abbiamo queste che seguono. - Codifica entropica, che sfrutta le statistiche relative ai dati. La più usata di queste codifiche è il codice di Huffman, con cui si cerca di rappresentare i valori più probabili con simboli di lunghezza minima ed utilizzare simboli di lunghezza maggiore per i valori meno frequenti. - Codifica run-lenght, che mira a rappresentare con pochi bit sequenze costituite dalla ripetizione del medesimo valore. Se si incontra un valore u con n occorrenze successive, si rappresenta la sequenza con la coppia (u,n). - Codifica predittiva, che si basa sulla alta correlazione dei dati spazialmente o temporalmente adiacenti. Essa consiste nel predire il valore di un dato da codificare sulla base di dati già trasmessi. Se la predizione è fatta bene l’entropia (informazione media) dell’errore di predizione è minore rispetto a quella dei dati originari e questo comporta un risparmio di bit nella fase di codifica. - Codifica a trasformate, in cui anziché considerare i dati nel loro dominio originario, temporale e/o spaziale, si effettua una trasformazione lineare di blocchi di dati. Con tale trasformazione si ha una ridistribuzione della energia all’interno dei dati senza alterarli, cercando di avere quelle proprietà di correlazione e ripetizione che permettono un

Anteprima della Tesi di Paolo Renzi

Anteprima della tesi: Metodi di compressione Jpeg e Jpeg2000 per immagini fisse, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Paolo Renzi Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2695 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.