Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'interazione quotidiana con l'altro. Le donne migranti e il lavoro di cura

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

ad entrambi di definirsi in quanto diversi. Lo Straniero non esiste al di fuori dell’incontro con un Io, ma è coessenziale (Remotti, 1996) alla sua formazione. L’identità insomma va incessantemente negoziata con gli altri ed assume significato solo in relazione all’Alterità. Lo Straniero tuttavia viene percepito dal Noi come una minaccia e la sua presenza genera nell’individuo una sensazione di insicurezza. Egli infatti con la sua Diversità mette in dubbio la nostra identità e i nostri modelli culturali e sociali, ci obbliga a sottoporli a critica ed a metterli in discussione. L’identità allora si corazza, si arma, erige barriere e confini per difendersi da tutto ciò che è percepito come un pericolo perché Diverso. Nella società postmoderna diventa difficile allontanare l’Altro ed emarginarlo al di là dei nostri spazi. Gli odierni sistemi di comunicazione, i trasporti veloci, le reti telematiche facilitano gli spostamenti di cose e persone, permettono di attraversare ampi spazi e di venire in contatto con popoli e culture diverse. Lo Straniero allora diviene una presenza costante ed ineliminabile. Il suo essere diverso e altro rispetto a noi tuttavia ci disturba, perché non ci è possibile classificarlo e ordinarlo all’interno dei nostri schemi mentali e cognitivi. La Differenza di cui è portatore viene ingigantita e crescono sentimenti di ostilità nei suoi confronti. Si diffondono rappresentazioni sociali negative che assumono la valenza di verità ontologiche e legittimano l’esclusione e la marginalizzazione dell’Altro operata dalla società. L’intento di questo lavoro è quello di rendere evidente il carattere costruito e situato di tali rappresentazioni, in modo da mitigare le caratteristiche negative che vengono attribuite allo Straniero e favorire spazi di apertura e di incontro con l’Alterità.

Anteprima della Tesi di Elena Caneva

Anteprima della tesi: L'interazione quotidiana con l'altro. Le donne migranti e il lavoro di cura, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Elena Caneva Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6739 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.