Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'interazione quotidiana con l'altro. Le donne migranti e il lavoro di cura

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

singolo incertezza e paura, sentimenti che vengono ulteriormente alimentati nell’incontro quotidiano con l’Altro. Le scienze sociali, nell’approccio multiculturale, propongono allora delle possibili forme di convivenza con l’Alterità, delle quali purtroppo nessuna è esauriente. Nel secondo capitolo viene effettuata una panoramica dell’immigrazione in Italia dal Dopoguerra fino ad oggi e viene analizzata la condizione dello Straniero nella nostra società, il suo inserimento lavorativo e le reazioni da parte dell’opinione pubblica italiana. Si prosegue poi nella descrizione del contesto lombardo e milanese, realtà nella quale si è svolta la ricerca empirica. Il terzo capitolo pone attenzione alla condizione delle donne straniere in Italia, ai tipi di sbocchi occupazionali loro offerti e alle implicazioni che tali lavori comportano. Si è pensato di dedicare un intero capitolo alle donne perché il lavoro di cura è svolto nella grande maggioranza dei casi dalla componente femminile dell’immigrazione. Infine vi è un’analisi dell’ambito domestico come luogo di incontro con la Differenza: si tratta di uno spazio avente una certa importanza e peculiarità, perché è la zona privata per eccellenza, il luogo dell’intimità e della familiarità. La ricerca sul campo è oggetto di studio del quarto capitolo. Dopo la trattazione del quadro teorico entro cui l’indagine è stata svolta e delle modalità con cui è stata impostata, si passa all’esame della relazione individuale con l’Altro. Per facilitare la comprensione del tipo di rapporto che si instaura sono state utilizzate quattro dimensioni: lo spazio, i territori del sé (Goffmann, 1981; ed. or. 1971), il linguaggio, la ribalta e il retroscena (Goffman, 1969; ed. or. 1959). Si è cercato di esaminare la relazione Noi-Altro attraverso queste “lenti” di lettura,

Anteprima della Tesi di Elena Caneva

Anteprima della tesi: L'interazione quotidiana con l'altro. Le donne migranti e il lavoro di cura, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Elena Caneva Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6739 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.