Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il corpo ritrovato. Intervento educativo con donne operate di tumore al seno attraverso la metodologia della Biodanza

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 soprattutto quando il principale problema è rappresentato dalla perdita del seno e dalla minaccia alla propria sopravvivenza. Il processo riparativo del corpo, perché sia compiutamente efficace, deve essere soprattutto un processo auto-riparativo a partire da un lento e faticoso percorso ricostruttivo di se stessi 36 . Cominciare a riappropriarsi del corpo, ad abitarlo, a risentirlo proprio nonostante la mutilazione, in un percorso di risignificazione che trasmuti il corpo da oggetto a soggetto, da traditore a creatore di guarigione, da vittima ad artefice compartecipativo di salute. La trasformazione del corpo per la mutilazione del seno, non comporta solo un cambiamento esteriore, ma significa mutilare la capacità della persona di esprimere se stessa e di aprirsi e donarsi al mondo 37 , coinvolgendola nel suo “essere un corpo e nel linguaggio del «corpo che siamo»” 38 . Nella malattia viene disturbato tutto il modo di “essere nel mondo” che diventa più fragile, più ansioso, più insicuro e che rende sempre più ridotta e contratta la vita. E’ possibile comprendere meglio quest’ultima affermazione se la s’inserisce all’interno del pensiero di alcuni filosofi fenomenologi, esistenzialisti e personalisti che hanno approfondito il concetto di corporeità e corpo vissuto. […] La Fenomenologia 39 sottolinea il valore “dell’inscindibile unità psicosomatica ed esistenziale” 40 , in cui il corpo diviene espressione dell’essere vivente investito di significato umano e simbolico, colto nell’esperienza vissuta dell’esistenza. Considerare il corpo come Körper 41 , corpo fisico, oggettivato e naturalisticamente inteso come macchina che può essere studiata e manipolata, significa ridurre il corpo a “cosa” priva di umanità e dignità esistenziale. Viceversa cogliere il corpo come Leib, ossia corpo-esistenza oltre ogni riduzione naturalistica, permette sia di considerarlo ricco di significato in quanto valorizza l’identità e l’autenticità dell’essere umano, sia di rendersi conto dell’unità del corpo- persona grazie alla quale noi non abbiamo un corpo ma siamo un corpo. Nella prima accezione, prevale la logica del possesso del corpo, “il corpo che ho”, e che, quindi, può essere violato, abusato e venduto, nella seconda accezione prevale l’essere un corpo, implicante “una maggiore consapevolezza, un maggior rispetto perché quel corpo è espressione della stessa sacralità e inviolabilità della persona umana” 42 . Siamo a una tesi completamente antitetica rispetto a quella cartesiana che enunciava la contrapposizione tra res extensa e res cogitans, ossia tra anima e corpo o tra vita psichica e vita somatica. Nel pensiero fenomenologico, invece, l’uomo non è divisibile tra due esseri, e la corporeità presenta il duplice aspetto dell’oggettività e della soggettività a partire dall’organismo esistente. Secondo la lezione fenomenologica, esistenzialista e personalista, la persona deve essere considerata nella sua interezza ed è identificabile nel corpo che la identifica come essere al mondo e come condizione della soggettività 43 . 36 DE FEUDIS, R., “Il tempo dell’esitazione. La relazione di aiuto psicologico con la donna operata di cancro al seno”, pp. 61-62 37 BRESCIANI, C., CATENA, R., RONCHI, L., SACRESTANI MOTTINELLI, M., Il corpo, un dono, un valore, un compito, Istituto Pro Familia, Brescia, 1997, p. 159 38 IORI, V., “Transiti e processi formativi”, in Adultità, 1997, 5, p. 17 39 La Fenomenologia è la corrente di pensiero che ha luogo nella cultura tedesca negli ultimi due decenni dell’800, dedita all’analisi e alla descrizione dell’essenze; da REALE, G., ANTISERI, D., Il pensiero occidentale dalle origini ad oggi, La Scuola, Brescia, 1996¹ 8 , vol. 3, pp. 439-440 40 IORI, V., Educazione degli adulti, p. 36 41 nella lingua tedesca si utilizzano termini diversi per sottolineare la differenza tra Körper, corpo-oggetto e Leib, corpo-soggetto 42 IORI, V., Educazione degli adulti, p. 36; IORI, V., Filosofia dell’educazione. Per una ricerca di senso nell’agire educativo, Guerini Studio, Milano, 2000, p. 156 43 IORI, V., Filosofia dell’educazione. Per una ricerca di senso nell’agire educativo, p. 155

Anteprima della Tesi di Isabella Casadio

Anteprima della tesi: Il corpo ritrovato. Intervento educativo con donne operate di tumore al seno attraverso la metodologia della Biodanza, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Isabella Casadio Contatta »

Composta da 310 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7704 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.