Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'inserimento degli immigrati nel sistema economico - produttivo genovese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

specifico approccio: si considera la città come un organismo sociale, organizzato territorialmente in “aree naturali”, in cui spazi e risorse sono costantemente contesi da gruppi sociali diversi per provenienza, cultura e funzioni. Altrettanto tipica di questa scuola fu l’esigenza di formulare una teoria sociologica fondata empiricamente e supportata da adeguati metodi e strumenti di ricerca. Le molte indagini ed osservazioni sul campo erano finalizzate all’identificazione di fasi cronologiche, il più possibile oggettive, da applicare ai processi d’integrazione riscontrabili nell’ambiente urbano. Molte ricerche, ad esempio, concludevano che i frequenti contatti tra differenti minoranze etniche avrebbero portato alla rottura dell’isolamento delle varie comunità, che, gradualmente, si sarebbero conformate allo stile di vita della maggioranza “White Anglo- Saxon Protestant”, pur mantenendo alcune lievi differenze. Fra le ricerche più interessanti dobbiamo ricordare quella condotta dallo svedese Gunnar Myrdal 2 nel 1944, intitolata “An American Dilemma- The Negro Problem and Modern Democracy”. In questa survey, concentrata prevalentemente su tematiche normative e su prospettive di riforma sociale, lo studioso verificò un’interessante ipotesi di partenza: le affermazioni di principio relative alla democrazia e all’uguaglianza sociale, contenute nella Costituzione americana e in altri documenti ufficiali, contrastano con l’atteggiamento discriminatorio che i bianchi adottano nei confronti dei neri. Nei rapporti tra i diversi gruppi sarebbe riscontrabile ciò che Myrdal definì come “circolo vizioso”, ossia una situazione di blocco in cui il pregiudizio dei bianchi e il minore tenore di vita della popolazione nera si determinano e si condizionano a vicenda.

Anteprima della Tesi di Valentina Verardo

Anteprima della tesi: L'inserimento degli immigrati nel sistema economico - produttivo genovese, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Valentina Verardo Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1420 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.