Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'inserimento degli immigrati nel sistema economico - produttivo genovese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Oggigiorno questa tesi potrebbe applicarsi al più attuale fenomeno delle migrazioni internazionali. Infatti, i migranti, ossia coloro che Cohen definisce come “nuovi Iloti”, costituirebbero quell’esercito industriale di riserva necessario al consolidamento della posizione politica ed economica della classe dirigente, con l’effetto di stabilizzare sia i mercati del lavoro dei paesi di provenienza sia quelli delle nazioni d’arrivo. Per lo sviluppo della sociologia delle migrazioni furono importanti anche gli studi di stampo geografico- sociale condotti da Ernst G. Ravenstein. L’approccio di Ravenstein, infatti, può essere considerato a pieno titolo come uno dei primi ambiziosi tentativi, nell’ambito delle scienze sociali, di spiegazione sistematica dei fenomeni migratori. Enunciando alcune leggi della migrazione, pubblicate nel saggio “The Laws of Migrations” del 1885, lo studioso intendeva sistematizzare una serie di comportamenti tendenziali, incentrati sulla variabile “distanza”, riscontrabili nei processi migratori interni. Riassumendo, nelle generalizzazioni proposte da Ravenstein si affermava che: 1) le correnti migratorie di breve raggio si muovono verso i grandi centri urbani ed industriali; 2) ogni corrente migratoria produce una controcorrente compensatoria; 3) la popolazione dei grandi centri urbani è meno incline alla migrazione rispetto alla popolazione delle aree rurali; 4) le donne sono più propense degli uomini a migrare. Nonostante queste asserzioni presentino molti limiti interpretativi, testimoniano, in ogni caso, un tentativo esplicativo dei fenomeni migratori interni. Le conclusioni cui giunse Ravenstein, però, mostrano la loro inadeguata capacità euristica se si tenta di applicarle ai fenomeni migratori internazionali attuali. Oggigiorno, infatti, i flussi migratori non si dirigono solo verso i grandi centri urbani ed

Anteprima della Tesi di Valentina Verardo

Anteprima della tesi: L'inserimento degli immigrati nel sistema economico - produttivo genovese, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Valentina Verardo Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1420 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.