Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'inserimento degli immigrati nel sistema economico - produttivo genovese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

industriali ma, anzi, nello specifico caso italiano si possono notare notevoli incrementi della popolazione immigrata nelle piccole e medie città (Bologna, Treviso, Vicenza, Bergamo, Brescia…), spesso preferite alle città di maggiori dimensioni perché dotate di servizi sociali più efficienti e caratterizzate da maggiori opportunità d’inserimento nel mercato del lavoro. Pare, inoltre, poco applicabile alla realtà odierna la terza tesi proposta da Ravenstein: i migranti di oggi, infatti, provengono da ambienti sia urbani che rurali e tale tendenza pare maggiormente evidente per i flussi migratori da paesi “abbastanza” sviluppati economicamente, nei quali la contrapposizione città- campagna non è così forte. Infine, la quarta “legge” è valida solo parzialmente. Per quanto riguarda l’Italia, difatti, si possono riscontrare alcune correnti migratorie a maggioranza femminile (filippine, ecuadoriane, nigeriane, polacche…), così come si può notare la presenza di flussi “prettamente” maschili (senegalesi, marocchini, indiani, pakistani…), almeno nelle prime fasi del processo migratorio. Credo sia piuttosto difficile fornire una spiegazione sufficientemente convincente di questo fenomeno anche se, leggendo alcune ricerche condotte recentemente in Italia mi è parsa abbastanza condivisa l’idea che tale differenziazione di gender sia imputabile alle diverse opportunità d’inserimento nei mercati del lavoro locali. I flussi migratori a prevalenza femminile, infatti, si concentrerebbero maggiormente nei centri urbani e nelle aree del paese, come Genova per esempio, in cui è elevata la richiesta di manodopera da inserire nei cosiddetti “servizi alla persona” (colf, baby- sitter, assistenza anziani). Sembra, invece, che gli uomini si dirigano verso le aree del paese dove sono maggiori le possibilità d’inserirsi nella piccola e media industria o verso le zone turistiche in

Anteprima della Tesi di Valentina Verardo

Anteprima della tesi: L'inserimento degli immigrati nel sistema economico - produttivo genovese, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Valentina Verardo Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1420 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.