Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ragazze di vita. Per una storia della prostituzione nella Firenze di età moderna

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 sarebbe diventato brave madri di famiglia, donne oneste, e prostitute, perse nel loro peccato. In realtà infatti, soprattutto per quel che riguarda il XIX secolo, si può affermare che “ la prostituzione, quindi, non trasformava le donne in paria morali, ma rappresentava soltanto una scelta tra la gamma limitata di occupazioni disponibili ( tutte sgradevoli ) “ 6 . Durante le persecuzioni dei marrani molte donne ebree convertite e povere si trasferirono dalla Spagna a Roma : qui vivevano insieme alle altre vedove immigrate, procurandosi da vivere in parte col lavoro domestico ed in parte con la prostituzione. Durante il 1500 Venezia fu eletta la capitale del meretricio italiano, e più in generale è corretto affermare che il Rinascimento decretò abbastanza apertamente il diritto degli uomini dotti e di cultura elevata di godere del proprio corpo e della propria sessualità, riprendendo quelle che erano state le linee guida della tradizione classica. “ La cortigiana, donna di una certa cultura, generalmente dotata di talento musicale, bellezza fisica e gusti raffinati, oltre che maestra dell’ars amandi, divenne uno stereotipo nella cultura veneziana del Cinquecento” 7 . Le donne che svolgevano questa attività venivano solitamente divise in tre principali categorie : quelle volgari, che sono riconosciute tali ed esercitano senza la paura di essere scoperte, visto che tutti, in città conoscono la loro natura, quelle libere, che cioè non si assoggettano alle regole, che non sono segnate ufficialmente nei registri ne frequentano prostiboli, ed infine quelle privilegiate, solitamente benestanti, che si concedono solo ai nobili e risultano essere, anche nell’aspetto, nei modi e nell’abbigliamento ben diverse dalle prime due categorie. 6 M. Gibson, “ Stato e prostituzione in Italia, 1860- 1915, Il Saggiatore, 1995 , pag. 268 7 O. Hufton, op. cit. , pag. 262

Anteprima della Tesi di Christian Campigli

Anteprima della tesi: Ragazze di vita. Per una storia della prostituzione nella Firenze di età moderna, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Christian Campigli Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11682 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.