Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riparazioni per le vittime dei conflitti armati internazionali e non

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione Molteplici sono ormai le iniziative internazionali dirette a promuovere, nel campo dei diritti umani, la tutela dell'individuo ovunque esso si trovi e soprattutto nei confronti del proprio Stato. L'azione dei Governi in questo settore si è tradotta in atti molto importanti, quali la Carta di San Francisco del 1945 e la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo del 1948. A partire dal dopoguerra, l'azione mirante alla salvaguardia dei diritti umani è stata rafforzata attraverso numerose Convenzioni, quali la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, la Convenzione americana sui diritti umani, i due Patti delle Nazioni Unite sui diritti civili e politici e sui diritti economici, sociali e culturali, la Carta africana dei diritti dell'uomo e dei popoli e la Carta asiatica dei diritti dell'uomo e dei popoli. Con queste Convenzioni, sono stati istituiti degli organi destinati a vegliare sulla loro osservanza ed è stato stilato un vero e proprio catalogo dei diritti umani, quali, ad esempio, i diritti che, in base ai due Patti delle Nazioni Unite, gli Stati sono 2

Anteprima della Tesi di Luca Donvito

Anteprima della tesi: Riparazioni per le vittime dei conflitti armati internazionali e non, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luca Donvito Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1641 click dal 25/02/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.