Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pubblicità e new media: tendenze recenti e prospettive

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

navigatore sul banner in questione. Il banner rappresenta quindi un “traffic-builder” e il costo si basa sulla visualizzazione ottenuta dal sito dell'azienda e non su sulla capacità di produrre impression da parte dell'inserzionista. Se la forma più nota della pubblicità on line è sicuramente il banner, non si possono comunque ignorare gli ulteriori strumenti a disposizione dell’advertising on line. La posta elettronica, ad esempio, può avere scopi commerciali, attraverso la comunicazione di particolari offerte speciali (con le dovute cautele riguardo la legge sulla privacy). I mini-siti o cosiddetti jump site, che poi indirizzano a siti di maggiori dimensioni. L’offerta di servizi gratuiti, grazie ai quali l’azienda può sponsorizzare, ad esempio, iniziative on line. Il vantaggio di una comunicazione pubblicitaria in rete, rispetto alla pubblicità tradizionale, consiste nella possibilità di controllare meglio il proprio target di riferimento, ovvero di raggiungere un pubblico molto segmentato. E’ altresì importante che lo stesso target di riferimento della propria campagna pubblicitaria on line sia corrispondente al pubblico di Internet. “In tutte le ricerche “demoscopiche” ci sono problemi di interpretazione e di significatività dei dati, che non derivano solo dalla validità statistica del “campione” ma anche (spesso in misura più rilevante) dal modo in cui è condotta la ricerca. Un fatto noto a chi ha esperienza di ricerche è che “fra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, anzi l’oceano”. Cioè c’è una differenza, che può essere più o meno grande, fra ciò che le persone dicono di fare e ciò che effettivamente fanno. Non si tratta di intenzionali bugie. Ci possono essere vari modi di interpretare una domanda, e quindi di rispondere; soprattutto c’è una notevole differenza fra le percezioni (ciò che una persona crede, o vuol credere, di fare) e i comportamenti reali. Il risultato è che i dati di ricerca possono essere inferiori alla realtà quando si tratta di comportamenti che la persona intervistata considera in modo negativo e molto spesso sono esagerati quando si tratta di attività che si considerano doverose o

Anteprima della Tesi di Stefania Amadori

Anteprima della tesi: Pubblicità e new media: tendenze recenti e prospettive, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Stefania Amadori Contatta »

Composta da 334 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5339 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.