Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pubblicità e new media: tendenze recenti e prospettive

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

desiderabili” (www.gandalf.it) Secondo le statistiche degli operatori del mercato, la comunità dei navigatori è composta in prevalenza da individui giovani (il 47% di essi ha un’età compresa tra i 25-34 anni secondo Eurisko; il 66% degli utenti ha un’età compresa tra i 18 e i 45 anni, secondo la rilevazione di Nielsen//NetRatings); con un livello di scolarità maggiormente concentrato verso i più alti (laurea o “media superiore”) ma con un continuo miglioramento al livello “medio inferiore”. Il target femminile, da sempre intorno al 35% degli utenti, rappresenta ormai la metà dei nuovi utenti. Inoltre sempre più si conferma un allargamento dell’uso della rete a categorie più ampie, con una notevole diffusione fra impiegati, insegnanti e studenti. Inoltre la forte presenza di studenti on line, unitamente al “non aumento” dei collegamenti da scuola, presuppone una penetrazione della rete tra le utenze domestiche. Perché il World Wide Web possa essere protagonista sulla scena comunicativa e culturale internazionale dovrà però essere in grado di rivolgersi a tutti i suoi potenziali utenti in modo semplice, piacevole e comprensibile. La pubblicità, infatti, può avere diverse funzioni: aumentare la consapevolezza di una campagna pubblicitaria su altri media; aumenta la conoscenza del marchio e dell'azienda; aumenta potenzialmente le vendite; far conoscere nuovi prodotti o servizi. Se si trasferiscono queste funzioni sulla rete, però, si verifica un impegnativo ostacolo da superare: il problema di quantificare l’efficacia di queste campagne. Contrariamente a quanto avviene per i media tradizionali, l’audience sui siti web è verificabile con grande precisione. Almeno in linea teorica, con la Rete diventa possibile sapere esattamente quanti potenziali clienti hanno visionato uno specifico banner e valutare secondo criteri variabili l’efficacia di una determinata campagna pubblicitaria. Il metodo più utilizzato è quello dei clickthrough, ovvero contare il numero di visitatori che cliccano su un banner e che vengono trasferiti automaticamente al sito dell’inserzionista. Vero è, però, che un click non

Anteprima della Tesi di Stefania Amadori

Anteprima della tesi: Pubblicità e new media: tendenze recenti e prospettive, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Stefania Amadori Contatta »

Composta da 334 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5339 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.