Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione e l'informazione nei processi culturali, tra teoria e indagine empirica (La costruzione mediata della realtà)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Comunicazione e Cultura: Costruttivismo sociale e realtà mediata. La pubblicistica e la letteratura sociologica ha esplicitato la differenza fondamentale tra la specie animale – il cui comportamento è studiato dalla disciplina scientifica che prende il nome di Etologia – e la specie umana evoluta nella forma organica conosciuta come homo sapiens sapiens: tale diversità risiede nel fatto che la prima ha come fondamento della propria “organizzazione sociale” l’insieme di informazioni depositate nel proprio patrimonio genetico, mentre la seconda sviluppa la sua dinamica di “organizzazione sociale” grazie all’accumulazione di informazioni trasmesse mediante processi di apprendimento veicolati, seppur con modalità, forme e mezzi tecnici distinti durante l’evoluzione storica, attraverso la Comunicazione e il Linguaggio, quest’ultimo identificato dalla sociologia della conoscenza di approccio costruzionista dei sociologi Berger e Luckman come forma di comunicazione oggettivata dell’espressività umana 3 . L’insieme di quelle informazioni costituisce ciò che viene definito con il termine Cultura. A livello antropologico e sociologico, la parola “Cultura” è stata spiegata attraverso una serie di definizioni e concetti. In termini teorici generali, la Cultura si innesta su un piano di “vissuto reale” in quanto esiste con l’esistenza in sé degli esseri umani. Di fatto non esiste una cultura slegata dagli uomini poiché ogni uomo vive una cultura. Nel contesto concettuale del mondo occidentale, la cultura è stata spesso associata alle dinamiche di “istruzione” come percorsi formali di apprendimento conoscitivo, inserendo il momento formativo della conoscenza durante l’età scolare, in quella che la sociologia generale ha considerato fase decisiva della socializzazione secondaria. Questo indirizzo rimane certamente riduttivo. La realtà è infatti nella nostra cultura, si insedia come un qualcosa di dato e dunque indipendente da noi. Nelle fasi e nei processi di socializzazione, a livello empirico la scelta tra ciò che è reale e ciò che non lo è , è dimostrabile. Tra i padri fondatori della sociologia moderna, Karl Marx, Emile Durkheim e Max Weber, solo quest’ultimo ha qualche dubbio, mentre per gli altri due la realtà è un qualcosa di dato. In base a ciò , la realtà come costruzione sociale implica l’esistenza di fatti e strutture sociali che costruiscono e determinano la nostra

Anteprima della Tesi di Federico De Rossi

Anteprima della tesi: La comunicazione e l'informazione nei processi culturali, tra teoria e indagine empirica (La costruzione mediata della realtà), Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Federico De Rossi Contatta »

Composta da 359 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3497 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.