Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Reti neurali per la previsione a breve termine del PM10: il caso di Milano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1. INQUINAMENTO ATMOSFERICO DA PARTICOLATO 16 L’esistenza di tre mode deriva dalle origini diverse delle particelle. In particolare alla moda delle particelle giganti appartengono le particelle generate principalmen- te per processi meccanici quali erosione delle superfici, risospensione di polveri dal suolo, attriti ed alcuni processi industriali. Le particelle della moda di accumulazione derivano dalla disgregazione chimico fisica delle particelle più grandi o dalla aggre- gazione e coagulazione della particelle più fini. Le particelle fini sono originate inve- ce per lo più dalle combustioni che avvengono, per esempio, negli impianti termici industriali, negli autoveicoli e negli impianti di riscaldamento domestici. Una loro frazione significativa viene prodotta in atmosfera attraverso la conversione chimica delle emissioni di precursori antropogenici e naturali. Una caratterizzazione meno rigorosa identifica la frazione fine (diametro compreso fra 1 e 3 micron) da quella grossolana. Taglio: La classificazione rispetto al taglio si basa sui sistemi di prelievo e quindi ci si riferisce al campionamento di particelle con misura aerodinamica minore o com- presa in un certo campo di valori, solitamente definito attraverso il 50% della misura del punto di taglio. Questa classificazione è nata nella speranza di misurare frazio- ni di particolato con caratteristiche significative sotto diversi punti di vista (salute, visibilità, ripartizione delle concentrazioni misurate, ecc...). Dosimetria: La classificazione dosimetria si basa sulla capacità, da parte delle par- ticelle, di penetrare nell’apparato respiratorio e suddivide il materiale particolato in frazione inalabile (entra nelle vie respiratorie), frazione toracica (raggiunge i polmo- ni), frazione respirabile (raggiunge gli alveoli). In tale classificazione la frazione to- racica corrisponde al PM10. Dal 1993 questo set di definizioni è stato adottato dall’ American Conference of Governmental Industrial Hygienists (ACGIH), dall’ Inter- national Standard Organization (ISO) e dall’ European Standardization Committee (CEN). Per non creare confusione bisogna evidenziare che il PM10 è anche detto comu- nemente “particolato fine” in quanto frazione fine del PTS; è chiaro che in questo

Anteprima della Tesi di Manuela Cecchetti

Anteprima della tesi: Reti neurali per la previsione a breve termine del PM10: il caso di Milano, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Manuela Cecchetti Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2151 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.