Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Reti neurali per la previsione a breve termine del PM10: il caso di Milano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1. INQUINAMENTO ATMOSFERICO DA PARTICOLATO 20 le emissioni da combustione sono nettamente superiori. Anche in questo caso sono molto importanti clima e meteorologia perché, come si può facilmente immaginare, d’estate l’eventuale diminuzione delle precipitazioni, che aiutano la rimozione del particolato depositato ed atmosferico, può portare la risospensione a diventare un fattore molto importante. La composizione del particolato dunque dipende in maniera massiccia dall’area e dalla tipologia della sorgente di emissione presenti in tale area, può variare stagional- mente e, come vedremo più avanti, subisce forti influenze dalla meteorologia. Cer- chiamo comunque di riassumere qui quali siano in generale le frazioni rappresenta- tive della composizione del PM10 proposte dalla US-EPA nel 1997 per la caratterizza- zione chimica del particolato. Inoltre nei grafici in fig.1.4 è riportata la composizione percentuale del particolato di origine urbana e naturale. Figura 1.4: Composizione percentuale del particolato di origine urbana e naturale [Fonte: http://www.minambiente.it, ultima visita 16-07-2003 ] Materiale Geologico: E’ il pulviscolo proveniente dall’erosione della crosta terrestre, dunque prodotto di una fonte primaria. Questa componente tende a contribuire per più del 50% del PM10 e traccia di norma l’attività di emissioni diffuse primarie quali polveri da risospensione, lavori edilizi e stradali, lavori in agricoltura ed erosione della crosta terrestre ad opera del vento. Solfati: Sono prodotti prevalentemente da fonti secondarie perché costituiti in pre- valenza da solfati e bisolfati d’ammonio. Il loro precursore è biossido di zolfo (SO2) che reagisce con lo ione ossidrile (OH−). Nitrati: Anche questi sono prodotti secondari derivanti dalla conversione di NO2

Anteprima della Tesi di Manuela Cecchetti

Anteprima della tesi: Reti neurali per la previsione a breve termine del PM10: il caso di Milano, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Manuela Cecchetti Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2151 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.