Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Reti neurali per la previsione a breve termine del PM10: il caso di Milano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione Numerose grandi città europee registrano elevati livelli di inquinamento atmosferico durante la stagione invernale per la presenza di particolato. Un recente studio effet- tuato dal Centro Comune di Ricerca di Ispra dimostra che i livelli di inquinamento da particolato nell’Italia settentrionale sono fra i più elevati in Europa. Il particolato sospeso è costituito dall’insieme di tutto il materiale non gassoso presente in sospensione nell’aria. La natura delle particelle è la più varia. Defini- re il PM10 come un unico inquinante in realtà è scorretto in quanto si tratta, come già accennato, di una classe di inquinanti che include particelle dal comportamento chimico-fisico e dalla composizione chimica molto diversi. Si possono tuttavia distin- guere due tipologie di PM10: quello primario, ossia immesso direttamente in atmo- sfera e quello secondario, ossia formatosi in atmosfera attraverso reazioni chimiche o fotochimiche. Entrambe le tipologie di particolato possono essere sia di origine na- turale che antropica. Ovviamente nell’atmosfera di una metropoli la percentuale di particolato di origine antropica è molto alta e le cause sono principalmente il traffico autoveicolare, gli impianti di riscaldamento e le grandi industrie. Il meccanismo di diffusione degli inquinanti atmosferici è complicato e dipen- de da molto fattori, tra cui, oltre alla già citata componente antropica, le condizioni meteorologiche. Il rischio sanitario a carico dell’apparato respiratorio legato alle particelle disperse nell’aria dipende, oltre che dalla loro concentrazione, anche dalla dimensione e dalla 8

Anteprima della Tesi di Manuela Cecchetti

Anteprima della tesi: Reti neurali per la previsione a breve termine del PM10: il caso di Milano, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Manuela Cecchetti Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2151 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.