Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ginnastica a tempo di bit: analisi comparata delle cronache sportive italiane e russe in Rete

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Sempre in Germania, a Berlino, venne fondata la prima palestra all’aperto nel 1811, da Friedrich Ludwig Jahn (1778-1852); scopo della palestra era l’addestramento dei militari prussiani per prepararli fisicamente alla riscossa (dopo la sconfitta subita a Jena nel 1806 nello scontro con le truppe napoleoniche). Jahn sviluppò un sistema di 180 esercizi che prese il nome di turner o turnkunst considerati la base della ginnastica artistica moderna. Tale sistema comprendeva alcuni attrezzi: il cavallo romano, da lui opportunamente modificato, a cui egli aggiunse la sbarra fissa, le parallele, gli anelli ed il grande castello per l'arrampicata. Grande attenzione era posta sul potenziamento degli arti superiori. Furono eliminati, invece, gli esercizi di base e le attività spontanee, in favore di altre - funzionali alla vita militare: corsa, salto, marcia, volteggio alla trave ed al cavallo, equilibrio (su un ramo), lancio di attrezzi e di pietre, saltelli con la corda, lotta, salto nel cerchio, trasporto di pesi, tutti illustrati nel suo libro L’arte ginnastica tedesca (1816). Il cavallo per il volteggio inventato da Jahn nel 1811 era un’imitazione di un cavallo vero, con tanto di sella, su cui gli atleti dovevano allenarsi a eseguire esercizi ispirati a quelli degli artisti circensi. 3 L’opera ebbe grande risonanza in Germania ed in Europa, ma il suo autore fu costretto a chiudere. A lui seguirono molti altri che cercarono di portare avanti l’ideale del maestro, tra gli altri Adolf Speiss, che reintrodusse gli esercizi a corpo libero, facendone anzi una tappa fondamentale nella preparazione agli attrezzi e ponendo così un’altra pietra miliare nello sviluppo della ginnastica moderna. Nel secolo successivo la ginnastica tedesca subì l’influsso della scuola svedese (l’iniziatore di tale diffusione fu Hugo Rothstein, molto critico nei confronti dell’uso degli attrezzi, tanto che, divenuto direttore della scuola Centrale di Berlino, abolì la sbarra fissa e le parallele) da un lato e degli sport inglesi 4 dall’altro. Intanto la Società Tedesca di Ginnastica aveva cominciato ad organizzare concorsi sportivi: nel 1860 a Coburgo, l’anno dopo a Berlino, nel 1863 a Lipsia e a Bonn nel ’72. In questi concorsi erano previsti ricevimenti, concerti, marce e passeggiate, ma il clou dell’evento erano le gare atletiche; ai vincitori venivano offerte corone 3 Questo attrezzo, nella versione moderna era largo 35 cm. e alto 135 cm. per gli uomini, 120 per le donne; recentemente, dopo una serei di incidenti, alcuni dei quali anche gravi, esso è stato sostituito da una nuova tavola, a cui è stato attribuito il nome Pegaso. 4 Gli sport inglesi furono Introdotti per la prima volta in Germania da Konrad Kock che propose nel 1876 al VIII Congresso di Ginnastica a Brunswick, di introdurre i giochi sporivi nelle attività scolastiche. La richiesta venne accolta ufficialmente nel 1882 da una circolare del Ministro della Pubblica Istruzione che, oltre ad incoraggiare l’organizzazione di giochi ed attività all’aria aperta, rese anche obbligatoria la costruzione di campi sportivi che li potessero ospitare.

Anteprima della Tesi di Alessia Delfabro

Anteprima della tesi: Ginnastica a tempo di bit: analisi comparata delle cronache sportive italiane e russe in Rete, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scuola sup. di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori

Autore: Alessia Delfabro Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1108 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.