Skip to content

Ginnastica a tempo di bit: analisi comparata delle cronache sportive italiane e russe in Rete

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
12 Sempre in Germania, a Berlino, venne fondata la prima palestra all’aperto nel 1811, da Friedrich Ludwig Jahn (1778-1852); scopo della palestra era l’addestramento dei militari prussiani per prepararli fisicamente alla riscossa (dopo la sconfitta subita a Jena nel 1806 nello scontro con le truppe napoleoniche). Jahn sviluppò un sistema di 180 esercizi che prese il nome di turner o turnkunst considerati la base della ginnastica artistica moderna. Tale sistema comprendeva alcuni attrezzi: il cavallo romano, da lui opportunamente modificato, a cui egli aggiunse la sbarra fissa, le parallele, gli anelli ed il grande castello per l'arrampicata. Grande attenzione era posta sul potenziamento degli arti superiori. Furono eliminati, invece, gli esercizi di base e le attività spontanee, in favore di altre - funzionali alla vita militare: corsa, salto, marcia, volteggio alla trave ed al cavallo, equilibrio (su un ramo), lancio di attrezzi e di pietre, saltelli con la corda, lotta, salto nel cerchio, trasporto di pesi, tutti illustrati nel suo libro L’arte ginnastica tedesca (1816). Il cavallo per il volteggio inventato da Jahn nel 1811 era un’imitazione di un cavallo vero, con tanto di sella, su cui gli atleti dovevano allenarsi a eseguire esercizi ispirati a quelli degli artisti circensi. 3 L’opera ebbe grande risonanza in Germania ed in Europa, ma il suo autore fu costretto a chiudere. A lui seguirono molti altri che cercarono di portare avanti l’ideale del maestro, tra gli altri Adolf Speiss, che reintrodusse gli esercizi a corpo libero, facendone anzi una tappa fondamentale nella preparazione agli attrezzi e ponendo così un’altra pietra miliare nello sviluppo della ginnastica moderna. Nel secolo successivo la ginnastica tedesca subì l’influsso della scuola svedese (l’iniziatore di tale diffusione fu Hugo Rothstein, molto critico nei confronti dell’uso degli attrezzi, tanto che, divenuto direttore della scuola Centrale di Berlino, abolì la sbarra fissa e le parallele) da un lato e degli sport inglesi 4 dall’altro. Intanto la Società Tedesca di Ginnastica aveva cominciato ad organizzare concorsi sportivi: nel 1860 a Coburgo, l’anno dopo a Berlino, nel 1863 a Lipsia e a Bonn nel ’72. In questi concorsi erano previsti ricevimenti, concerti, marce e passeggiate, ma il clou dell’evento erano le gare atletiche; ai vincitori venivano offerte corone 3 Questo attrezzo, nella versione moderna era largo 35 cm. e alto 135 cm. per gli uomini, 120 per le donne; recentemente, dopo una serei di incidenti, alcuni dei quali anche gravi, esso è stato sostituito da una nuova tavola, a cui è stato attribuito il nome Pegaso. 4 Gli sport inglesi furono Introdotti per la prima volta in Germania da Konrad Kock che propose nel 1876 al VIII Congresso di Ginnastica a Brunswick, di introdurre i giochi sporivi nelle attività scolastiche. La richiesta venne accolta ufficialmente nel 1882 da una circolare del Ministro della Pubblica Istruzione che, oltre ad incoraggiare l’organizzazione di giochi ed attività all’aria aperta, rese anche obbligatoria la costruzione di campi sportivi che li potessero ospitare.
Anteprima della tesi: Ginnastica a tempo di bit: analisi comparata delle cronache sportive italiane e russe in Rete, Pagina 9

Preview dalla tesi:

Ginnastica a tempo di bit: analisi comparata delle cronache sportive italiane e russe in Rete

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessia Delfabro
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scuola sup. di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori
  Corso: Traduzione e Interpretazione
  Relatore: Francesco Straniero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giornalismo sportivo
giornalismo telematico
linguistica
cronache sportive
ginnastica moderna

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi