Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cristo, un profeta tra Bibbia e Corano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 rivelazione tramite le opere dei profeti ed infine di Mu4ammad. Quindi, in “un’ottica preventiva”, Dio istruisce i Suoi inviati a far ricordare queste vicende, e così facendo, sprona a continuarne la menzione proprio in virtù dell’ineluttabile destino che colse e colpirà chi in Lui non volle e né vorrà riporre fede. Le storie dei tempi passati, così come sono tramandate e testimoniate nel Libro, non sono altro che storie di responsabilità e d’ammonimento a tutti i popoli, che come «la gente del Faraone» Cor. 8:54, rifiutarono non solo la Rivelazione, ma ancor di più, l’opera dei “segni” di Dio, i Suoi inviati e profeti, nel corso della loro missione. Il Corano non dà una definizione alle storie dei profeti e ciò significa che tali storie, al di là della loro funzione per la missione di A4mad (altro nome del Profeta), non hanno altri pregnanti valori ai fini della rivelazione stessa, se non la loro narratività. Mu4ammad quindi, può rientrare a pieno diritto in una concettuale linea di continuità della tradizione dei profeti biblici che l’avevano preceduto, ed in maniera particolare con Abramo, annoverato come “coincidente con l’Islām” 14 . Le fonti delle tradizioni e leggende riguardanti le origini della letteratura musulmana sui profeti, sono soprattutto da ricondursi ai commentari esegetici dell’Islām, tra i quali è possibile annoverare il famosissimo tafsīr di a9-(abarī; alla storiografia di tutti i periodi dell’era musulmana, alle storie dei profeti (a9-(arafī ed al- Kisā’ī, tanto per citarne alcuni), ai detti di Mu4ammad e a quella serie di 14 Se si osserva il linguaggio utilizzato nel Corano nei vari versetti riguardanti Ibrāhīm (Abramo), in particolare Cor. 3:67, 95; 4:125; 6:161; 16:120 e 21:51; ci si rende conto “dell’indecifrabilità” di Abramo, che è definito emblematicamente 4anīf, cioè monoteista e uomo retto per natura, né cristiano né ebreo, ma nemmeno musulmano.

Anteprima della Tesi di Domenico Cocozza

Anteprima della tesi: Cristo, un profeta tra Bibbia e Corano, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Domenico Cocozza Contatta »

Composta da 240 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4974 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.