Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il distretto del mobile della bassa veronese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 destinazione, accadeva talvolta che il cliente fosse impossibilitato a procurarsi il contante necessario a pagare l’acquisto e l’impegno di pagamento che si assumeva non veniva sempre onorato. Nel dopoguerra la situazione finalmente migliorò: l’economia italiana fu rilanciata dagli aiuti del piano Marshall, le imprese furono favorite da politiche volte ad agevolare la produzione nazionale, la domanda di beni di lusso (quali i mobili prodotti nel distretto) riprese a crescere e nel 1950 il reddito prodotto nella zona raggiunse i livelli degli anni precedenti la guerra. I rapporti fra gli artigiani e Merlin mutarono da questo periodo. Prima della guerra essi lavoravano esclusivamente, o quasi, per l’imprenditore, in quanto temevano di non essere in grado di terminare la costruzione del mobile con la stessa capacità di Merlin, sapendo che, se avessero rischiato, avrebbero inoltre perso le sue commissioni. Inoltre non potevano vantare l’ampia rete di rapporti commerciali che egli aveva costituito e che si estendeva in tutta Europa e perfino negli Stati Uniti. La situazione economica, nella quale si ritrovarono nel dopoguerra, era molto difficile e la necessità di lavorare li spinse a compiere quelle lavorazioni che anni prima non osavano fare. Il distretto riuscì a risollevarsi, le richieste di mobili in stile tornarono a dare lavoro ai molti artigiani, in un contesto ora più complesso, in quanto il ruolo predominante che aveva assunto Merlin fin dalla nascita di questa realtà industriale risultava ora notevolmente diminuito, mentre era aumentata l’indipendenza degli artigiani, che si occupavano personalmente dei rapporti con il cliente finale. Il numero di artigiani, che ora potevano lavorare senza più il controllo di Merlin, crebbe rapidamente soprattutto negli anni ’60 e ’70, periodo in cui la domanda e la notorietà del distretto raggiunsero il loro apice. In quegli anni i paesi di Bovolone, Cerea e Sanguinetto, principalmente, erano

Anteprima della Tesi di Giovanni Pozzetti

Anteprima della tesi: Il distretto del mobile della bassa veronese, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giovanni Pozzetti Contatta »

Composta da 218 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2780 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.