Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il distretto del mobile della bassa veronese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 visitati personalmente da molti acquirenti o persone interessate al mobile che si produceva nella Bassa Veronese. Gli artigiani si organizzarono quindi per pubblicizzare i propri prodotti in maniera semplice, ma efficace: ancora oggi si possono vedere, lungo la statale 10 (che da Mantova passa attraverso Nogara, Sanguinetto e Cerea) e lungo la strada che collega Bovolone con Cerea, molti edifici adibiti a vetrine che contengono alcune esposizioni di mobili. Soprattutto nei decenni scorsi, coloro che viaggiavano lungo quelle strade rimanevano stupiti dal grande numero di esposizioni, che attiravano i clienti che poco conoscevano la zona e che quindi non si spingevano all’interno dei paesi per effettuare l’acquisto. Generalmente queste grandi vetrine, che si estendevano lungo tutta la parete dell’edificio, rivolte verso la strada, mostravano esemplari che non venivano venduti, ma avevano la funzione di modelli ai quali i visitatori della mostra potevano ispirarsi e grazie ai quali i mobilieri mostravano la propria abilità di artigiani. Terminata la visita all’esposizione, l’acquirente aveva gli elementi per effettuare l’ordine, ovvero per descrivere il tipo di mobile desiderato e i vari elementi decorativi da inserire. La crescita continua ed elevata della domanda causò una rapida frammentazione delle aziende. Molti dei dipendenti delle botteghe, anche con poca esperienza, si mettevano in proprio, consci del fatto che, iniziando un’impresa con scarsi investimenti iniziali, tutto ciò che avrebbero prodotto si sarebbe facilmente venduto. Gli investimenti venivano effettuati in macchinari generalmente di scarso contenuto tecnologico (pialle, torni, seghe circolari, levigatrici ecc.), ma che permettevano una produzione più veloce e che meglio poteva soddisfare la crescente domanda. La maggior parte di queste imprese non mutò il suo carattere artigianale per assumerne uno industriale, specializzandosi in una produzione in serie, ma semplicemente adoperava queste macchine per

Anteprima della Tesi di Giovanni Pozzetti

Anteprima della tesi: Il distretto del mobile della bassa veronese, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giovanni Pozzetti Contatta »

Composta da 218 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2780 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.