Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il distretto del mobile della bassa veronese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Non è possibile fissare una definizione precisa ad un prodotto come il mobile veronese; noi chiameremo l’insieme delle diverse tipologie, realizzate nella Bassa veronese, mobile classico e in stile e riservando la denomimìnazione “d’arte” solo al ristretto numero di prodotti di qualità superiore. Dopo momenti alterni nelle vicende economiche del settore dell’area, come il boom degli anni sessanta e settanta e il crollo degli anni intorno al 1980, e dopo le varie problematiche che ancora oggi affliggono la Bassa veronese del mobile, oggi la produzione d’arredamento classico e in stile si presenta nel distretto così: 1.574 aziende del settore, 5.898 addetti e un fatturato che si aggira sui 1.000 miliardi di lire. I paesi considerati sono 14, per il loro tradizionale ruolo che hanno avuto nell’ospitare questi produttori e perché ancora oggi concentrano la maggior parte delle aziende del settore. Il mercato attuale in Italia e all’estero è molto diverso da quello di cinquanta anni fa; è cambiata la distribuzione, sono cambiati i gusti, sono cambiati i modi di produrre. In questa tesi di laurea cercheremo di capire come si è evoluto il distretto, a partire dalla sua origine fino ai giorni nostri; si conoscerà la sua situazione attuale, attraverso analisi quantitative, e il contesto socio-economico nel quale è inserito, con uno sguardo agli attori che sono coinvolti nel suo sviluppo. Successivamente l’analisi si allargherà alle altre produzioni nazionali e estere, utili per capire quali concorrenti possono minacciare la sua produzione, ma anche per avere dei termini di confronto e valutare le opportunità mancate e ancora attuabili che si sono presentate negli anni. Nell’ultimo capitolo, la discussione si concentrerà soprattutto sulla fase di declino della domanda e sulle difficoltà che le aziende stanno affrontando soprattutto da qualche anno. Con l’utilizzo dell’analisi SWOT, cioè

Anteprima della Tesi di Giovanni Pozzetti

Anteprima della tesi: Il distretto del mobile della bassa veronese, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giovanni Pozzetti Contatta »

Composta da 218 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2780 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.