Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il distretto del mobile della bassa veronese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 suoi clienti gli portassero mobili molto rovinati e occorresse ricostruirne parti intere, divenendo quindi necessaria un’applicazione della sua conoscenza degli stili unita ad una buona dose di creatività, in modo tale che la parte rovinata o mancante, una volta riparata o sostituita, rispettasse le caratteristiche stilistiche proprie di quel mobile. Un’occasione importante per dimostrare le sue capacità venne da un cliente che gli affidò una scrivania antica in pessime condizioni: Merlin doveva ricostruire gran parte del mobile, eseguire un lavoro non da semplice artigiano, ma da vero e proprio artista. Il risultato fu di tale pregio che la sua fama si diffuse in breve tempo presso molti antiquari e benestanti dell’epoca. Iniziò così ad incrementare i suoi rapporti d’affari con i primi, che acquistavano mobili antichi rovinati per poi affidarli alle mani esperte di Merlin. Quando le sue disponibilità economiche furono tali da ottenere una certa indipendenza dai suoi principali clienti, per acquistare in prima persona mobili antichi, ripararli, copiarli e poi rivenderli, la sua attività commerciale si sviluppò lungo un nuovo percorso. Essa si concentrava maggiormente nella copiatura dei mobili e nell’interpretazione degli stili, così da creare rispettivamente opere simili in tutto e per tutto agli originali e opere nuove, ma fedeli alle caratteristiche stilistiche di una data epoca. I clienti di queste produzioni appartenevano alla classe media e alta, cioè persone facoltose che si potevano permettere un mobile costruito da Merlin, il cui prezzo era notevolmente superiore a quello della gran parte dei mobili prodotti in quel tempo, che arredavano le case dei meno abbienti, ma sempre inferiore a quello che avrebbero pagato acquistando un mobile antico originale. Il legno usato era solitamente molto vecchio, talvolta ricavato da mobili antichi ormai irrecuperabili, e questo comportava un innegabile pregio che andava a comporre il valore del mobile, insieme al valore aggiunto dall’abilità di Merlin.

Anteprima della Tesi di Giovanni Pozzetti

Anteprima della tesi: Il distretto del mobile della bassa veronese, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giovanni Pozzetti Contatta »

Composta da 218 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2780 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.