Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Piccoli immigrati in Europa. Confronto tra le strategie di inserimento scolastico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 illegalmente i confini dello stato e quindi la sua posizione è considerata meno grave. Tutte queste differenze sono importanti non solo perché pongono gli immigrati davanti alla legge del paese d’accoglienza in posizioni diverse, ma i vissuti personali di ciascuna singolo cambiano notevolmente se una persona è obbligata a scappare in ogni situazione o se può sperare, per esempio, in una sanatoria 8 . La struttura dell’immigrazione, in Europa, varia da paese a paese e varia, all’interno di questi, da regione a regione. Vi sono nazioni con percentuali relativamente basse di immigrazioni, oppure stati che hanno una notevole concentrazione di immigrati solo in alcune città e altri che hanno un notevole tasso di presenze anche nei piccoli centri. Oggigiorno non esiste più una sola tipologia di migrante come era del resto più facile individuare in passato 9 : oggi le persone che scelgono di trasferirsi si rifanno a modelli diversi di migranti, soprattutto per quel che riguarda l’afflusso di persone nei paesi del sud Europa. Tuttavia ci sono degli aspetti comuni riguardanti i movimenti migratori attuali che li differenziano da quelli di ieri: primo fra tutti è da sottolineare il declino del ruolo trainante dell’industria quale attore di attivazione della domanda di lavoro. In passato 10 , negli anni delle migrazioni richiamate dallo sviluppo industriale, gli immigrati, pur collocandosi nella fascia più bassa della scala occupazionale, rientravano in gran parte nelle occupazioni della fascia primaria, cioè dell’industria: ora invece la collocazione nel mercato secondario sembra essere caratteristica comune, accompagnata generalmente dalle condizioni di lavoro precarie e instabili che essa comporta.. La migrazione in passato si configurava come prettamente lavorativa, come si può notare guardando per esempio alla Germania, in cui il termine usato per indicare gli immigrati del secondo dopoguerra era gastarbeiter, che significa 8 La sanatoria è la rinuncia da parte di un paese a perseguire le situazioni irregolari, dichiarandole legittime. Nel caso dell’immigrazione la sanatoria consiste nella regolarizzazione della posizione di stranieri presenti illegalmente in uno stato, prevedendo altresì il diritto di residenza. Importanti sanatorie si sono verificate in Francia nel 1981in Spagna nel 1985-86 e nel 1991, in Italia nel 1990 (legge Martelli). 9 AA.VV. La inmigración extranjera en España- Los retos educativos, Fundación “la Caixa”, Barcelona, 1999, cit.,p.11. 10 PUGLIESE E. (a cura di) Rapporto immigrazione. Lavoro, società, sindacato, Ediesse, Roma, 2000.

Anteprima della Tesi di Laura Anzideo

Anteprima della tesi: Piccoli immigrati in Europa. Confronto tra le strategie di inserimento scolastico, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Laura Anzideo Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6343 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.