Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Piccoli immigrati in Europa. Confronto tra le strategie di inserimento scolastico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 1. Chi bussa alla porta? Chi bussa oggi alle porte d’Europa? A questa semplice domanda sono sottesi molti interrogativi non di certo banali: chi è la persona o la famiglia che bussa? Da dove viene? La persona che si muove oggi è simile o no a quella che emigrava ieri? In tal caso molti aspetti risulterebbero più semplici, perché si guarderebbe alle risposte date in passato, semplicemente cercando di non compiere determinati errori. Perché ancora oggi arrivano tante persone nei paesi dell’Europa occidentale? Soprattutto, sono gli stati europei, e in particolare l’Italia, pronti ad aprire la porta? Con quali modalità? Le persone che bussano alle porte d’Europa sono oggigiorno diverse migliaia: basti pensare che nel solo 2000, la rete di migrazione ha potuto registrare all’incirca 816 000 persone entrati nella Comunità 1 , andando a consolidare una cifra abbastanza costante da qualche anno a questa parte. Il numero delle persone che acquisiscono la cittadinanza europea è in forte crescita arrivando a moltiplicarsi dal 1988 a oggi e contando dal 1994 una cifra minima di 300 000 persone. Ma un fenomeno che lascia ancora più attoniti riguarda coloro che bussano, e che bussando, perdono la vita alle porte dell’Europa sono oggi tante: come si può leggere dal testo della Conferenza sulla Popolazione Europea 2001 2 circa duemila persone sono morte tra il 1993 e il 2000 cercando di entrare nell’Europa “fortezza”. Sempre più spesso si sente parlare di Europa come di una fortezza: questo è dovuto alle misure adottate dalla Comunità in materia di immigrazione. Si è salvaguardata infatti la libera circolazione di persone e beni all’interno dei confini europei cercando di agevolarne la mobilità attraverso l’Accordo di Schengen 3 e il Trattato di Amsterdam, ma si è cercato sempre più di chiudere i bordi esterni, annoverando tra le diverse motivazioni cause di tipo economico e sociale. 1 www.europa.eu.int/comm/eurostat/ 2 European Population Conference, Helsinki, 7-9 June 2001, The Social and Economic Dimension of Migration in Europe. 3 Accordo di Schengen, 14 giugno 1985, ratificato in Italia con L. 388 del 30 settembre 1993.

Anteprima della Tesi di Laura Anzideo

Anteprima della tesi: Piccoli immigrati in Europa. Confronto tra le strategie di inserimento scolastico, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Laura Anzideo Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6350 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.