Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'informatizzazione dell'attività amministrativa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Quando si parla di legimatica però, proprio muovendo dalla considerazione di questi limiti, può altresì tentarsi di rovesciare i termini del discorso, per chiedersi se nella prospettiva di un più diffuso impiego del mezzo informatico non sia forse il caso di ripensare le stesse modalità di elaborazione del dato normativo. Al riguardo è da dire che obiettivamente, sul modus operandi affer- matosi nella nostra cultura giuridica ha finora pesato la soverchia influenza degli studi fatti nel campo della teoria dell’inter- pretazione. Nel contesto di una cultura giuridica di civil law, e più in particolare, nel circoscritto ambito di un modello di democrazia parlamentare, anziché porre con serietà il problema delle tecniche di elaborazione normativa (legistica) si è investito tutto lo sforzo intellettuale nell’attività ermeneutica, forse muovendo dall’inesat- ta considerazione dell’ineluttabile artigianalità che connota a mon- te questi processi. Ma nel momento in cui una riforma costituzio-nale orientata in senso (dichiaratamente) federale prospetta la con-creta possibilità di una ulteriore moltiplicazione delle sedi di pro-duzione legislativa; e nel momento in cui anche a voler tacere dell’ aspetto tecnico-giuridico è l’obiettiva complessità della struttura sociale e la crescente atomizzazione dei suoi interessi a far cessare quelle garanzie di stabilità giuridica che potevano rinvenirsi, per dir così, a valle del procedimento legislativo, diventa allora vieppiù lecito ragionare in ordine alla necessità di migliorare, prima ancora della qualità delle decisioni, la qualità della produzione normativa. La problematicità del rapporto tra legistica e legimatica trova un momento di sintesi nella necessità di individuare dei criteri di normalizzazione del linguaggio giuridico, ove per normalizzazione si intende quell’attività rivolta alla costruzione di un modello, e quindi alla delimitazione di un insieme di contenuti dal cui do- minio può derivare una struttura razionale preordinabile all’im- piego nel campo dell’intelligenza artificiale 4 . Ora è innanzitutto da dire che la trasposizione di alcuni modelli elaborati nel campo degli studi di filosofia e teoria generale palesa indubbiamente dei limiti insormontabili. E’ questo il caso dei mo- delli istituzionalistici stante il fatto che, contemplando essi un ete- rogeneo insieme di contenuti non circoscritti alle norme ed alla prassi, ma anzi inclusivi dell’ampio contesto socio-istituzionale che ne rappresenta lo scenario di applicazione, non sembrano 4 Sulle conseguenze linguistiche dell’informatica in campo giuridico, e più in particolare sul rischio connesso alla formazione di una tendenza culturale epistemologicamente riduzionistica, TADDEI ELMI, Filosofia del diritto e informatica giuridica, in AA.VV., Dalla giuritecnica all’informatica giuridica. Studi dedicati a Vittorio Frosini, Milano, 1995.

Anteprima della Tesi di Pierpaolo Matarazzo

Anteprima della tesi: L'informatizzazione dell'attività amministrativa, Pagina 5

Diploma di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Pierpaolo Matarazzo Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8882 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.